Dalla Regione 300.000 euro per la realizzazione del Centro Studi Plautino di Sarsina

L’Amministrazione comunale di Sarsina organizza annualmente, fin dal 1956, la Rassegna di recite classiche, oggi denomina “Plautus festival” in onore del celebre commediografo Tito Maccio Plauto, che tanto successo riscuote nel pubblico sempre più numeroso ed appassionato.

Per rispondere alle crescenti richieste di partecipazione all’attività teatrale, è stata realizzata un’apposita arena estiva, in funzione dal 1995, che, nel 2008, ha subito un importante ed oneroso intervento di rifunzionalizzazione, al quale ha dato il suo determinante sostegno economico anche la Regione Emilia-Romagna.

Il Consigliere regionale Damiano Zoffoli rende noto che la Regione Emilia Romagna, nell’ambito dei contributi alla realizzazione di progetti di particolare rilevanza culturale per l’insieme del territorio regionale, intende finanziare la costruzione della sede del “Centro Studi Plautino con sala mostra e Centro di accoglienza turistica”, per un importo complessivo di 300.000 euro.

Tale somma andrà a coprire il 60% dei costi totali dell’opera attraverso un contributo in c/capitale al Comune di Sarsina che andrà a sostenere gli investimenti per la costruzione del “Centro Studi Plautino”, progettato dall’Amministrazione comunale per completare l’offerta culturale della città che in questo anno ha tra l’altro anche celebrato il millenario della Basilica di San Vicinio, vissuto a Sarsina all’inizio del IV secolo, primo Vescovo e Santo Patrono della città, la cui fama di taumaturgo ed esorcista si è mantenuta fino ai giorni nostri, tanto che la millenaria Basilica (1008 – 2008) ad egli dedicata è meta, ogni anno, di migliaia di pellegrini.

La valorizzazione del territorio della nostra collina – evidenzia Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione assembleare Politiche Economiche – passa sempre più dal binomio tra turismo e cultura. Dare valore, cioè, alle nostre tradizioni e alla nostra storia è la carta vincente per attrarre nuove risorse e promuovere la crescita anche economica della nostra terra, come dimostra la grandissima partecipazione alle celebrazioni del Millenario tutt’ora in corso”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.