Dalla Regione una rapida e piena copertura economica ai progetti imprenditoriali sui mercati esteri

Con una interrogazione i Consiglieri regionali Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi chiedono di sostenere al meglio l’export emiliano-romagnolo.

L’economia mondiale è certamente in crisi, ma dall’Emilia-Romagna giunge un primo segnale di ottimismo: il mondo imprenditoriale della nostra Regione sta rispondendo numeroso al bando “Sostegno a iniziative aggregate sui mercati esteri” emanato nell’ambito della programmazione di sostegno all’export.

“Questo interesse è un segnale importante in un periodo di crisi economica come l’attuale – sottolineano i Consiglieri regionali del Partito Democratico, Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi – e le numerose richieste potrebbero ipotizzare la necessità di un ancor più consistente impegno economico di quello ad oggi programmato dalla Regione, per riuscire a dare piena copertura ai progetti che risulteranno ammessi”.

Per questo i due consiglieri del PD, con una interrogazione a risposta scritta, chiedono alla Giunta regionale “di adoperarsi perché i fondi siano messi a disposizione immediatamente e pienamente, nel limite delle risorse disponibili, riuscendo così a supportare il maggior numero possibile di progetti imprenditoriali”.

L’export – si legge nella interrogazione – è una delle voci principali del sistema economico emiliano-romagnolo, che può vantare 590 imprese con partecipazioni estere, con un fatturato complessivo di circa 21 miliardi di euro e con quasi 50mila addetti. La nostra Regione si colloca al terzo posto in Italia per esportazioni, con un volume che supera i 22 miliardi di euro.

“Le imprese cesenati impegnate nell’export, in particolare, negli ultimi anni hanno vista premiata la scelta di puntare sulla qualità, piuttosto che sui minori costi di produzione. – aggiungono Zoffoli e Lucchi – Segno che le specializzazioni legate alla tradizione dei territori hanno raggiunto livelli di competitività sostenibili con lo scenario internazionale, come ben hanno dimostrato il settore agroindustriale, che ha saputo abbinare positivamente perfetta organizzazione, forte legame con il territorio, colture non facili come quelle biologiche e quello della moda e calzaturiero di qualità a S. Mauro Pascoli. Oggi serve che la Regione sostenga il grande sforzo delle imprese, impegnate in una competizione ben più difficile e fondamentale di quella del passato anche recente”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.