A Cesena, venerdì sera, un convegno sul dialetto “lingua viva”. Studiosi, poeti e politici a confronto per la tutela e la promozione di un patrimonio culturale unico

“Meno politichese, una lingua che i cittadini non capiscono; più daletto, più vicinanza alle persone, più concretezza nella soluzione dei loro problemi” è l’invito di Damiano Zoffoli.

“Il dialetto romagnolo è vivo e tale deve rimanere. Non possiamo permetterci che diventi una lingua morta, al pari del latino. Per questo è importante impegnarsi nella sua tutela. Ogni qualvolta un anziano ci lascia, infatti, perdiamo un pezzo insostituibile della nostra tradizione orale”.

A sostenerlo è il Consigliere regionale Damiano Zoffoli che, con altri colleghi, qualche mese fa ha impegnato la Giunta regionale a finanziare iniziative in favore dei dialetti. Delle vere e proprie lingue, fatte di cultura, tradizioni ed espressioni frutto dell’esperienza di intere generazioni.

Ma quali strade si possono battere per valorizzare il dialetto? Una serie di risposte proveranno a darle politici, scrittori e poeti romagnoli al convegno “DIALETTO LINGUA VIVA”, in programma venerdì 17 aprile alle ore 20,45 nella sala “E. Cacciaguerra” della Banca di Cesena (viale Bovio 72).

I lavori, introdotti da Damiano Zoffoli, vedranno confrontarsi Gianfranco Camerani (direttore del periodico La Ludla), Paolo Galletti (relatore della legge regionale 45/94 sulla tutela del dialetto), Gianfranco Miro Gori (sindaco di San Mauro Pascoli e poeta), la giovane scrittrice Annalisa Teodorani, il docente universitario Giovanni Nadiani, lo storico e poeta Leonardo Maltoni oltre a Tonino Guerra, celebre sceneggiatore e poeta.

Saranno presenti i Consiglieri regionali Gianluca Borghi e Paolo Lucchi, che con Zoffoli hanno condiviso l’ordine del giorno per la promozione e la tutela del dialetto. Un documento che impegna la Giunta a rifinanziare la legge 15 del 1994 destinando risorse all’Istituto per i beni artistici, culturali e naturali (Ibacn).

“Tra le province di Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini – specifica Zoffoli – esiste anche una convenzione, firmata cinque anni fa, per la tutela e la valorizzazione del dialetto romagnolo che si rifà alla legge regionale del ’94. Il dialetto non rappresenta più, come decenni addietro, un ostacolo alla conoscenza della lingua italiana o di divisione di classe. Al contrario, la sua riscoperta può costituire oggi un arricchimento culturale e sociale per tutti”.

“Si tratta di un monito anche per i politici: meno politichese, una lingua che i cittadini non capiscono; più daletto, più vicinanza alle persone, più concretezza nella soluzione dei loro problemi” conclude Zoffoli.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.