No a decurtazioni economiche per chi si assenta dal lavoro pubblico per donare sangue

“I volontari donatori di sangue, che professionalmente sono dipendenti pubblici, vengono penalizzati dal ministro Brunetta che ha previsto – in un apposito decreto – una decurtazione economica per chi si assenta dal lavoro, anche nel caso in cui si rechi a donare sangue”. Lo affermano Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi, Consiglieri regionali del Partito Democratico, facendosi interpreti della protesta e delle richieste avanzate dalle associazioni dei donatori, tese all’eliminazione “di tale assurda forma di discriminazione”.

In un primo tempo il Ministro Brunetta si era impegnato a modificare il testo del decreto all’atto della conversione in legge, per escludere i donatori dalle decurtazioni per assenza, riconoscendo alle associazioni il ruolo sociale e civile svolto dal volontariato.

“Quelle del Ministro – commentano Zoffoli e Lucchi – sono rimaste vane promesse in quanto la Legge 133/08 (conversione in Legge del Decreto 112/08) ripropone lo stesso testo del Decreto e quindi i donatori si troveranno penalizzati da una norma assurda e discriminatoria, situazione paradossalmente aggravata da problemi interpretativi della legge stessa che hanno indotto le Regioni, in sede di conferenza unificata, a muoversi per l’emanazione di linee guida omogenee per tutto il territorio nazionale”.

I Consiglieri regionali chiedono perciò alla Giunta “di adoperarsi, anche in sede di conferenza unificata, affinché il Governo provveda a cancellare la norma vigente che decurta la retribuzione ai dipendenti pubblici che si assentano dal lavoro per le donazioni di sangue riconoscendo nei fatti e non a parole il grande ed insostituibile ruolo del volontariato il cui impegno garantisce da decenni l’autosufficienza di sangue e derivati del sistema sanitario regionale e nazionale”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.