Consorzi di bonifica, primo passo della Regione per riorganizzarli e per continuare a investire sulla manutenzione e sulla messa in sicurezza del territorio

Approvata la nuova Legge regionale, i Consorzi passano da 16 a 8. Soddisfatto il Presidente della Commissione Politiche Economiche: «Non sono enti inutili, ecco i numeri della loro attività».

E’ stata approvata dall’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna la legge sulla riorganizzazione dei Consorzi di Bonifica, che scenderanno da 16 a 8, mentre gli attuali confini verranno ridefiniti per renderli il più aderenti possibile a quelli dei bacini idrografici.

La nuova organizzazione prevede 5 Comprensori di bonifica corrispondenti ai 5 sottobacini del Fiume Po, 2 comprensori per il Bacino del Fiume Reno e 1 per i Bacini dei Fiumi Romagnoli e del Marecchia-Conca. Rimane invece invariato il Consorzio di bonifica di 2° grado del Canale Emiliano-Romagnolo.

Il percorso che ha portato a questo passo è durato mesi e si è strutturato attraverso una lunga campagna di ascolto e di confronto con le realtà territoriali della nostra Regione.

La legge ha ottenuto l’ok del mondo agricolo e delle altre categorie produttive (Tavolo dell’Imprenditoria e Confindustria) ed è stato salutato positivamente da Massimo Gargano, presidente dell’Associazione nazionale dei Consorzi, che ha parlato di «percorso da assumere come modello per altre regioni». Positivo anche il giudizio di Emilio Bertolini, presidente dell’Unione Consorzi regionali: «Bene i nuovi confini che ridisegnano entità idrografiche e idrauliche omogenee e bene la governance collegiale confermata per il periodo transitorio».

«La Regione continuerà a investire sul capitolo “Bonifica”, che significa manutenzione del territorio, difesa idraulica, irrigazione e che in Emilia-Romagna vuol dire 20.000 km di canali, 500 impianti di sollevamento delle acque, un milione di ettari tenuti all’asciutto, 1.421 dipendenti, con una contribuenza annuale pari a circa 125 milioni di euro – ha affermato il relatore della legge, Damiano Zoffoli (PD), Presidente della Commissione Politiche Economiche – Il sistema della bonifica, inoltre, può vantare una dotazione e una banca progetti, immediatamente cantierabili, per oltre 400 milioni di euro e un’attività che si è concretizzata, negli ultimi 10 anni, in più di 200 accordi di programma e convenzioni solo con gli Enti locali».

«Il sistema si fonda sull’autonomia funzionale e sull’autogoverno dei contribuenti ed è un esempio positivo di sussidiarietà, che garantisce una presenza “h24” sul territorio, la realizzazione delle opere pubbliche di bonifica e di irrigazione e il pagamento degli oneri per il loro esercizio e la loro manutenzione – ha proseguito Zoffoli – Non si tratta, quindi, evidentemente, di un ente inutile, ma altresì di un settore strategico, che vogliamo rafforzare e rendere ancora più competitivo».

«Il riordino – ha concluso Damiano Zoffoli – è un’occasione per potenziare il nostro sistema di bonifica locale, rispettando l’operatività e l’efficienza dei Consorzi, che sono realtà operative fortemente presenti e radicate sul territorio».

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.