ALDO MORO – “Rispetto e riconoscimento emergono spontanei, mentre si lavora, ciascuno a proprio modo, ad escludere cose mediocri, per fare posto a cose grandi”

“Rispetto e riconoscimento emergono spontanei, mentre si lavora, ciascuno a proprio modo, ad escludere cose mediocri, per fare posto a cose grandi”

Estratto da un articolo di Aldo Moro pubblicato su Il Giorno del 10 aprile 1977.

(…) Possiamo tutti insieme, dobbiamo tutti insieme sperare, provare, soffrire, creare, per rendere reale, al limite delle possibilità, sul piano personale come su quello sociale, due piani appunto che si collegano e si influenzano profondamente, un destino irrinunciabile che segna il riscatto dalla meschinità e dell’egoismo. In questo muovere tutti verso una vita più alta, c’è naturalmente spazio per la diversità, il contrasto, perfino la tensione. Eppure, anche se talvolta profondamente divisi, anche ponendoci, se necessario, come avversari, sappiamo di avere in comune, ciascuno per la propria strada, la possibilità ed il dovere di andare più lontano e più in alto. La diversità che c’è tra noi non ci impedisce di sentirci partecipi di una grande conquista umana. Non è importante che pensiamo le stesse cose, che immaginiamo e speriamo lo stesso identico destino; è invece straordinariamente importante che, ferma la fede di ciascuno nel proprio originale contributo per la salvezza dell’uomo e del mondo, tutti abbiano il proprio libero respiro, tutti il proprio spazio intangibile nel quale vivere la propria esperienza di rinnovamento e di verità, tutti collegati l’uno all’altro nella comune accettazione di essenziali ragioni di libertà, di rispetto e di dialogo. La pace civile corrisponde puntualmente a questa grande vicenda del libero progresso umano, nella quale rispetto e riconoscimento emergono spontanei, mentre si lavora, ciascuno a proprio modo, ad escludere cose mediocri, per fare posto a cose grandi. (…)

In occasione del “Giorno della memoria” dedicato alle vittime del terrorismo e delle stragi di tale matrice, che simbolicamente si celebra il 9 maggio, anniversario dell’uccisione di Aldo Moro, vorrei condividere con voi questa breve riflessione.

Sessant’anni fa anni fa una generazione di italiani si trovò a dover ricostruire dal nulla, e in condizioni difficilissime, un Paese distrutto moralmente e materialmente. Lo seppe fare salvando sempre il quadro democratico e costruendo le condizioni per un grande sviluppo economico. Fu una vicenda collettiva, che ha esaltato i valori della persona umana e ha fatto delle differenze e del pluralismo culturale una risorsa piuttosto che un limite, un’opportunità di crescita piuttosto che un freno, un’occasione di maturazione sociale e morale piuttosto che un impedimento e un vincolo.

Aldo Moro è stato protagonista di quella vicenda e resta un simbolo di quel periodo.

Insieme a pochi altri leaders della sua generazione comprese subito che nessuna cultura e nessuna forza politica poteva da sola essere espressione di tutto il Paese; che il futuro non poteva essere nelle mani di una parte sola; che nessuno poteva, nemmeno in nome delle ragioni più nobili, pretendere di egemonizzare la democrazia italiana e per questo fu promotore della democrazia del confronto, delle convergenze, della instancabile ricerca delle compatibilità.

Moro politico è colui che si sforza sempre di operare affinché la società italiana sappia riconoscere il valore del pluralismo; è colui che, con pazienza, fa della tolleranza e del rispetto delle idee di tutti l’asse dello sviluppo del Paese; sempre attento a cercare tutto ciò che potesse unire piuttosto che ciò che potesse dividere.

C’è molta attualità nella sua testimonianza politica, anche se viviamo in un tempo diverso.

L’attuale crisi economica mondiale si ripercuote anche sull’Italia, costringendoci a scelte talvolta dolorose ed in ogni caso ad una maggiore consapevolezza dell’interdipendenza economica mondiale e della necessità di individuare organismi e normative internazionali per regolare i mercati ed evitare speculazioni economiche a danno dei cittadini.

Il momento di difficoltà economica si interseca poi con un profondo malessere democratico che rischia di mettere a rischio la coesione sociale: la crisi della partecipazione e delle rappresentanze politiche. Una politica che fatica ad esprimere il volto più nobile di impegno a favore della comunità, una politica che sempre più spesso è diventata rappresentanza di interessi particolari, più che tentativo di raggiungimento del bene comune.

L’Italia è un paese che sta ancora cercando una propria identità di popolo, che torna a dividersi tra guelfi e ghibellini, tra laici e cattolici e che non ha ancora risolto pienamente le sue più antiche anomalie istituzionali e politiche, già intuite da Moro, relative al valore della democrazia dell’alternanza, al rispetto delle minoranze, al diritto e dovere degli elettori di giudicare e di sanzionare col voto chi non mantiene gli impegni presi.

Anche oggi, come sessant’anni fa, siamo chiamati a portare il Paese fuori da una delle più gravi crisi della storia, a promuovere l’Europa a livello economico e politico, a favorire la nascita di un governo delle nazioni a livello mondiale che possa preservare e realizzare benessere, ricchezza, pace e democrazia nel mondo.

Attraverso lo stile del dialogo e del confronto di Moro dobbiamo cambiare e migliorare l’Italia per farla diventare, come qualcuno ha scritto, “un paese normale”. Un paese più sobrio e democraticamente più partecipato, dove la politica non sia vissuta come un privilegio ma come un servizio alla comunità, dove maggioranza e opposizioni si rispettino, dove i diritti si coniughino ai doveri e al senso di responsabilità.

Ricordare oggi Aldo Moro significa saper raccogliere l’insegnamento di quella generazione, rispettarne i sacrifici e fare noi, oggi, la nostra parte, come loro la seppero fare ieri.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.