Riscopriamo le nostre radici tutelando gli alberi storici

Cesena ha perso un mandorlo monumentale. Ma la Regione, impegnata da trent’anni nella tutela degli alberi storici, può accogliere nuovi giganti verdi nell’elenco delle piante da proteggere.

Non tutti i monumenti del passato sono fatti di pietre. Alcuni sono vivi e vegeti e, se solo ci fermiamo a guardarli, in un attimo ci parlano del nostro territorio meglio di qualsiasi guida. Sono gli alberi monumentali, querce, pioppi, cedri o pini, testimoni secolari delle nostre città e delle nostre campagne.

Da trent’anni a questa parte la Regione si sta impegnando nella loro tutela. Gli “esemplari arborei singoli in gruppi o in filari di notevole pregio scientifico o monumentale” sono stati censiti dalla legge regionale 2 del ‘77. Ma i vincoli di legge, senza la consapevolezza diffusa che i grandi alberi sono patrimonio di tutti, non bastano. E con l’allargarsi a macchia d’olio delle città diventa ancora più importante difendere questi giganti verdi.

“Le piante monumentali sono, nel vero senso della parola, parte delle radici del nostro territorio – spiega il consigliere regionale Damiano Zoffoli, presidente della commissione Politiche economiche –. E per questo, al pari del dialetto e delle nostre migliori tradizioni, non possiamo permettere in alcun modo che scompaiano. La politica deve riscoprire il gusto delle cose semplici che spesso sono le più vere”. Dal 2004 ad oggi la Regione Emilia-Romagna ha stanziato più di 240mila euro per la difesa del patrimonio arboreo tutelato dalla legge regionale 2/1977, di cui 51mila euro per il solo anno 2009. In provincia di Forlì-Cesena sono 54 gli alberi censiti e tutelati, 6 dei quali nel comune di Cesena.

Gli alberi secolari però non sono eterni: “In questi giorni la Regione – continua Zoffoli – ha approvato una delibera per la cancellazione dal regime di tutela di 65 alberi in tutto il territorio dell’Emilia-Romagna. Si tratta di piante giunte, purtroppo, alla fine del loro ciclo di vita o aggredite da malattie incurabili. A Cesena è stato cancellato un mandorlo storico censito in via Francia, a Ponte Abbadesse, abbattuto lo scorso anno da una tempesta. Ora nella banca dati regionale restano all’incirca 600 piante. E a questi alberi, da difendere e valorizzare, speriamo di poterne presto aggiungere altri”.

Solo nel territorio del Comune di Cesena, ad esempio, ci sono aree di grande importanza naturalistica, dal sito del Rio Mattero alla zona di Rio Marano. Luoghi ricchi di piante che potrebbero avere le carte in regola per essere inseriti nell’elenco degli alberi monumentali. Per farlo serve un decreto regionale su proposta degli enti locali o delle associazioni naturalistiche, ricreative e del tempo libero: “Invito tutti i volontari che si impegnano nell’educazione ambientale e nella promozione di stili di vita più naturali – conclude Zoffoli – a segnalare alla Regione alberi monumentali o di pregio scientifico. Vogliamo mettere al riparo queste piante da un’urbanizzazione che toglie terra e aria a questi monumenti viventi”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.