Dalla Regione 1,5 milioni di euro per i giovani. Finanziata la legge che riconosce la funzione sociale degli oratori

Sono pronti i primi finanziamenti per la legge regionale sui giovani, conosciuta anche come “legge degli oratori”. Un soprannome nato dallo spirito del provvedimento che non vuole pianificare dall’alto ma, al contrario, sostenere le esperienze della società civile.

I giovani hanno bisogno di spazi di aggregazione e divertimento che permettano loro di esprimersi appieno, evitare l’abbandono scolastico e crescere come persone. In certi casi questi spazi possono essere creati dalle Istituzioni, ma non è questo il loro compito principale. Al settore pubblico basterebbe aprire gli occhi per riconoscere le tante esperienze positive di questo tipo nate dalla società civile, nel mondo delle associazioni o nelle parrocchie. Nei fatti è proprio quello che fa questa legge.

Approvata dall’Assemblea regionale nel luglio scorso come legge-quadro, ora il provvedimento è stato finanziato per un anno con un milione e mezzo di euro, cinquecentomila per progetti rivolti ai giovani ed un milione per investimenti strutturali. Gli interessati potranno chiedere i contributi, in ambito regionale o locale fino al 20 luglio, mentre gli enti locali avranno tempo fino al 30 ottobre per accedere ai fondi strutturali per l’adeguamento o la ristrutturazione dei centri giovani.

Per la provincia di Forlì-Cesena sono stati previsti 130mila euro, 37mila dei quali per progetti e attività e 93mila per le infrastrutture. Non si tratterà di contributi a pioggia. Per evitare una dispersione delle risorse, e rendere più incisivo il sostegno, saranno finanziati, con un contributo pari al 50% della spesa, solo progetti dal valore di almeno 5mila euro, ristrutturazioni dai 20mila euro in su o acquisto di attrezzature per almeno 8mila euro.

Una parte dei fondi, pari a 100mila euro, sarà riservata a grandi progetti di respiro regionale. Tra questi potrebbero rientrare il servizio regionale di Pastorale giovanile della Conferenza episcopale e le associazioni scoutistiche, fin da subito impegnati nella costruzione della nuova legge.

Questo primo finanziamento è un segnale di attenzione importante, un segno che la sussidiarietà, nella nostra Regione, non si basa solo su concetti di principio ma su fatti concreti. Il ruolo del settore pubblico, nell’educazione dei ragazzi, è anche quello di sostenere le famiglie e le aggregazioni sociali che si occupano già della crescita delle giovani generazioni.

E’ possibile scaricare il testo della DELIBERA di Giunta regionale avente per oggetto “Contributi regionali per attività a favore di adolescenti e giovani e per lo sviluppo e la qualificazione di Centri e spazi di aggregazione ad essi destinati. Obiettivi, azioni prioritarie, criteri di spesa e procedure per gli anni 2009/2010. (L.R. 14/08 “Norme in materia di politiche per le giovani generazioni”, artt. 14, 43 e 44)” cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.