Due generazioni, un solo tetto

Un progetto di coabitazione solidale tra studenti universitari fuori sede in cerca di alloggio e persone di età superiore a 65 anni autonome, che vivono in un casa dotata almeno di una stanza libera, da sperimentare – secondo il Presidente della Commissione “Politiche Economiche” dell’Assemblea Legislativa, Damiano Zoffoli – anche nella provincia di Forlì-Cesena. Nei corsi universitari con sede in Romagna, infatti, il 45,8% degli studenti proviene da fuori Provincia e ben il 30,2% da fuori Regione”.

La Giunta dell’Emilia-Romagna ha di recente proposto all’Assemblea Legislativa un progetto sperimentale “Due generazioni, un solo tetto” che favorisce la coabitazione solidale tra studenti universitari fuori sede in cerca di alloggio e persone di età superiore a 65 anni autonome, che vivono in una casa dotata almeno di una stanza libera, nella Provincia di Parma.

“Tale iniziativa – spiega Damiano Zoffoli – ha l’obiettivo di contribuire a dare risposte, da una parte, agli studenti fuori sede che hanno bisogno di trovare un’abitazione ad un costo accessibile e, dall’altra, a sostenere i costi per la casa degli anziani che spesso vivono situazioni di solitudine e insicurezza”.

La coabitazione è regolata da un patto, sottoscritto dalle parti, che determina diritti e doveri di entrambi i soggetti coinvolti nel progetto. La Regione Emilia-Romagna, dal canto, suo ha previsto la concessione di un sostegno finanziario per far fronte alle spese sostenute per il recupero degli alloggi destinati ad ospitare gli studenti.

Per tale progetto sperimentale vengono destinati alla Provincia di Parma, nella prima fase, circa 40.000,00 euro con un massimo di 2.000 euro per ogni intervento.

Il soggetto beneficiario del contributo dovrà iniziare i lavori entro 13 mesi dalla data del ricevimento della comunicazione regionale di ammissione al contributo.

“Considerando che nei corsi universitari con sede in Romagna il 45,8% degli studenti proviene da fuori Provincia e ben il 30,2% da fuori Regione, questa iniziativa – conclude Zoffoli – potrebbe essere presa in considerazione anche per il nostro territorio. A tal fine gli enti locali potrebbero attivarsi con la richiesta alla Regione Emilia-Romagna di sperimentare il progetto “Due generazioni, un solo tetto” anche nella Provincia di Forlì-Cesena”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.