GIUSEPPE LAZZATI – “Costruire la città dell’uomo a misura d’uomo”

(…) Con l’espressione «costruire la città dell’uomo a misura d’uomo», mi sembra più facile cogliere – e aiutare a cogliere – il significato e valore di un impegno cui ogni uomo, in una misura o in un’altra, in un modo o in un altro, in quanto uomo, non può sottrarsi senza diminuire o perdere il senso del proprio essere uomo. Dire, infatti, «città dell’uomo a misura d’uomo», è subito porre l’uomo al suo posto e si può su di esso fissare l’attenzione come su colui dal quale la città prende vita e verso il quale la città è volta come a proprio fine. Perché dico che è porre l’uomo al suo posto? Anzitutto, devo precisare che, quando parlo di «città», non penso solo a quell’aggregato umano che, oggi, per le sue dimensioni di territorio e di popolazione, siamo soliti chiamare con questo nome. Con tale termine intendo ogni aggregato umano: dal primitivo e più piccolo, alla moderna metropoli, all’insieme degli aggregati che formano una nazione, all’insieme delle nazioni che formano l’umanità intesa quale insieme degli uomini legati da qualunque minimo vincolo, espressione della coscienza di una loro relazione in vista della loro solidarietà. Di queste città – nessuna esclusa – è punto di partenza o attore l’uomo. E lo è in quanto irriducibile a essere solo individuo, ma in quanto persona. Infatti, anche un sasso, una pianta, un animale è individuo, ma non persona. Dicendo così non nego che una persona sia individuo, dico che non basta essere individuo per essere persona. Sia sufficiente aggiungere che il concetto di persona implica, nell’individuo, presenza della realtà spirituale (l’anima, diciamo solitamente, per l’uomo) che, per sua natura, è realtà aperta. Realtà per la quale la «relazione con» è componente caratteristica del suo essere e del suo divenire. È attraverso una rete di «relazioni con» che l’uomo si fa uomo, che cresce come uomo. Si tratta della «relazione con» che, sul piano orizzontale, va da quella familiare, nella quale si colloca la sua origine, a quella che, per cerchi e intrecci vari, tocca l’orizzonte dell’umanità, e, sul piano verticale, quella con il mondo sovrumano della trascendenza e con il mondo subumano. È proprio questo processo di relazionalità, che parte dall’uomo e mira all’uomo, che vuol mettere in luce l’espressione «città dell’uomo a misura d’uomo». (…)

Giuseppe Lazzati è stato senza dubbio una delle figure più autorevoli del laicato cattolico italiano del Novecento. Professore a lungo impegnato nella realtà ecclesiale e culturale italiana, uomo fedele nel servizio alla Chiesa, ma libero, ha mostrato per l’intero corso della sua vita uno straordinario carisma di educatore di coscienze giovanili. In lui fu costante la tensione, unita al fattivo impegno, per una crescita dei laici cristiani in “maturità”, cioè in consapevolezza della propria vocazione, da interpretare innanzitutto come dedizione responsabile e competente alle “realtà temporali” (famiglia, lavoro, cultura, politica, …), per “ordinarle secondo Dio” (Lumen Gentium, 31). Non esitò, da ufficiale degli Alpini, a rifiutare le compromissioni con la Repubblica Sociale Italiana, ben conoscendo il prezzo da pagare per una simile scelta: la deportazione nei lager tedeschi. La molteplicità dei compiti da lui svolti (dall’insegnamento universitario di Letteratura Cristiana Antica, all’attività politica – fu membro dell’Assemblea Costituente e parlamentare nella prima legislatura -; dalla direzione del quotidiano cattolico “L’Italia” alla carica di Rettore dell’Università Cattolica) può essere unificata intorno a un’idea conduttrice, via via precisatasi nell’articolazione dei suoi significati e implicanze: il servizio, pur sotto diverse forme, all’edificazione della città dell’uomo, a misura d’uomo. Per questo gravoso, ma affascinante impegno, Lazzati reputava indispensabile il ruolo dei laici cristiani, ruolo da assolvere, fra l’altro, in ossequio ai criteri di laicità e di dialogo nel pluralismo. Ricordare, a cento anni dalla nascita, la figura e la lezione lazzatiana significa confrontarsi con l’eredità di una testimonianza e di un pensiero in grado ancora oggi d’illuminare evangelicamente il cammino del laicato e, più in generale, della comunità ecclesiale, sempre insidiato dallo spirito di adattamento alle logiche mondane del potere, dell’avere, del piacere.

E’ possibile scaricare il testo “FARE POLITICA DA CRISTIANI OGGI” cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.