Tempi certi per imprenditori e artigiani intenzionati ad ampliare la propria attività

Martedì 30 giugno l’Assemblea legislativa darà il via libera al “Piano Casa” che ha novità anche per le attività produttive. Non dovranno più attendere un’eventuale variante al Piano Regolatore: ogni singola richiesta avrà un proprio iter, che i Comuni dovranno chiudere in modo tassativo entro 5 mesi.

Dalla Regione arrivano buone notizie per le imprese: d’ora in poi l’ampliamento delle attività esistenti, anche in variante al PRG, avrà tempi certi. L’imprenditore o l’artigiano intenzionato ad ampliare il proprio capannone dovrà ricevere riposta al massimo entro 5 mesi.

E’ quanto prevede un articolo del Piano Casa dell’Emilia-Romagna. Il provvedimento, che sarà in aula per il voto finale martedì 30 giugno, recepisce l’intesa Stato-Regioni siglata a marzo per aumentare i volumi degli edifici familiari. Ma la Regione ha approfittato del Piano Casa per semplificare e riordinare leggi e norme esistenti che toccano ambiti diversi, dall’edilizia sociale alle imprese.

E proprio alle imprese la Regione ha steso un tappeto rosso fatto di tempi certi: entro dieci giorni dalla presentazione del progetto di ampliamento le amministrazioni comunali dovranno convocare una Conferenza di servizi, con tutti gli attori coinvolti, per valutare le variazione degli strumenti urbanistici. Anche la conferenza avrà un termine tassativo: in sessanta giorni l’istruttoria dovrà essere chiusa. Se favorevole, il procedimento dovrà essere depositato in Comune per due mesi per ricevere osservazioni dai cittadini, sulle quali si esprimerà poi il Consiglio comunale nel giro di trenta giorni.

“Fino ad oggi per un’impresa ampliare l’attività era spesso un calvario – osserva Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione Politiche Economiche dell’Assemblea legislativa regionale – ma con queste norme vengono introdotti tempi certi. Non bisognerà più aspettare un’eventuale variante al Piano regolatore: nel giro di 5 mesi al massimo ogni singola richiesta dovrà essere evasa”.

L’esigenza di tempi certi di risposta era stata manifestata, una volta di più, la settimana scorsa all’ultima assemblea di Confindustria Forlì-Cesena dove il presidente Giovanni Torri aveva invocato: “il miglioramento dei tempi di risposta delle conferenze di servizi e soprattutto una realizzazione assai più rapida degli ampliamenti delle attività già insediate”.

“Posso affermare con soddisfazione – commenta Zoffoli – che questo provvedimento regionale risponde proprio a queste esigenze”.

Una volta approvate, però, le nuove norme avranno bisogno del massimo impegno da parte dei Comuni per essere attuate. A tal fine il consigliere regionale Zoffoli ha incontrato, nei giorni scorsi, il neo-eletto sindaco di Cesena Paolo Lucchi. I due hanno lavorato gomito a gomito negli ultimi quattro anni in Assemblea legislativa, portando avanti assieme molti provvedimenti importanti.

“C’è una forte sintonia tra le proposte contenute nel mio programma di mandato e le modifiche che la Regione sta per apportare alla sua legge urbanistica – ha commentato il primo cittadino di Cesena –. E c’è anche una totale sintonia con lo spirito con il quale, sin dalla costituzione della nuova Giunta, ci siamo messi al lavoro l’Assessore Orazio Moretti ed io, potendo contare su una disponibilità fortissima e positiva da parte degli uffici del Comune di Cesena. Gli strumenti messi a disposizione dalla legge regionale modificata, introdurranno precise indicazioni sui tempi per la conclusione delle pratiche, limiteranno il consumo del territorio, premieranno la volontà di orientarsi ancor più all’edilizia residenziale pubblica, creando un significativo incentivo che consentirà alle future amministrazioni di mettere in atto politiche abitative per le fasce più deboli e una nuova politica per la casa a prezzi popolari”.

“Insomma – conclude Paolo Lucchi – il lavoro dell’Assessore regionale Giancarlo Muzzarelli, vero e proprio “padre” della nuova legge, affiancato da Consiglieri regionali attenti e lungimiranti come il cesenate Damiano Zoffoli ci garantisce una prospettiva utile per i cittadini e per le imprese. So già, per averlo visto all’opera in questi anni di lavoro comune, che con Zoffoli sarà poi facile prevedere un percorso virtuoso di affiancamento all’impegno dei nostri Comuni, utile ai cittadini ed a rafforzare, anche per il futuro, quella coesione sociale che fa della nostra Emilia-Romagna una delle terre più avanzate ed equilibrate d’Europa”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.