Approvata la nuova Legge “Governo e riqualificazione solidale del territorio”. Una risposta concreta alle famiglie e alle imprese che vogliono investire

L’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna ha approvato, martedì sera, la nuova Legge “Governo e riqualificazione solidale del territorio”, il cosiddetto “Piano Casa”, che contiene le nuove norme in materia di urbanistica ed edilizia.

Il voto ha registrato l’astensione dei Gruppi consiliari di minoranza.

La Legge approvata prevede, all’articolo 59, pur in una cornice di regole e di principi che guardano alla salvaguardia e alla tutela del territorio, evitando quindi ogni grave rischio di deregulation, il “principio di tolleranza”, per cui una difformità, non superiore al 2% rispetto alle iniziali misure di progetto, è da considerarsi un mero errore tollerato che non costituisce violazione edilizia. Infatti l’articolo recita testualmente: “Il mancato rispetto dell’altezza, dei distacchi, della cubatura, della superficie coperta e di ogni altro parametro o dimensione delle singole unità immobiliari non costituisce violazione edilizia se contenuto entro il limite del due per cento delle misure previste nel titolo abilitativo”.

“Questa norma è stata introdotta – dichiara Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione “Politiche Economiche” – raccogliendo le sollecitazioni del Sindaco Nivardo Panzavolta e dei suoi colleghi della Riviera, anche per dare una prima risposta ad alcuni problemi reali dei nostri operatori balneari, consentendogli così di poter effettuare le ristrutturazioni degli stabilimenti in tempi più rapidi e di offrire strutture sempre più accoglienti ai nostri turisti, evitando inutili contenziosi spesso per minimi spostamenti dai progetti autorizzati e in corso d’opera”.

“Sono soddisfatto del lavoro fatto – prosegue Zoffoli – perché con questo provvedimento la nostra Regione dimostra che si può intervenire sul tema del governo del territorio secondo alcune direttrici fondamentali: semplificazione delle procedure e riduzione dei tempi di risposta delle Pubbliche Amministrazioni alle famiglie e alle imprese che vogliono investire”.

“Stupisce quindi – continua il Presidente Zoffoli – il voto di astensione del Gruppo An-Pdl e del Consigliere Luca Bartolini, che nei giorni scorsi aveva espresso, in una interrogazione alla Giunta dell’Emilia-Romagna, giuste preoccupazioni in merito alle norme per il recupero delle strutture balneari. Va poi precisato che la Legge regionale n. 31/2002, da lui citata, non fa altro che recepire, in larga parte, una normativa nazionale, il Testo Unico dell’Edilizia (DPR 380/2001), nel caso di immobili ricadenti in aree naturali protette o sottoposti a particolari prescrizioni per ragioni ambientali, paesaggistiche, archeologiche, storico-culturali”.

Personalmente ho sempre preferito, alle interrogazioni che si limitano a sollevare i problemi, le leggi, i provvedimenti e le azioni che danno le risposte concrete ai problemi stessi” conclude Zoffoli.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.