Tempi più rapidi e certi per la realizzazione delle opere pubbliche. Garantita la partecipazione dei cittadini all’iter autorizzativo

Anni di attesa prima di vedere aperti i cantieri delle opere pubbliche, mentre i diversi uffici si rimpallano carte e pareri. Ora la Regione Emilia-Romagna ha deciso di affrontare il problema di petto, rivedendo alcune norme per accelerare la realizzazione dei lavori.

Il provvedimento è contenuto all’interno della nuova Legge regionale “Governo e riqualificazione solidale del territorio” approvata martedì scorso dall’Assemblea Legislativa. Una legge che semplifica e riordina un gran numero di norme esistenti in diversi ambiti.

Fino ad oggi i singoli Enti collaboravano tra loro solo grazie alla buona volontà. Da oggi, invece, la concertazione diventa la regola. Viene istituito il procedimento unico per la valutazione e l’approvazione delle opere pubbliche o di interesse pubblico, nel quale tutti gli Enti pubblici e gli interessi privati devono confrontarsi, consentendo una rapida approvazione dell’opera da realizzare.

“Il monitoraggio dei procedimenti approvativi delle opere pubbliche e di interesse pubblico (infrastrutturali, energetiche, tecnologiche, ecc.) ha evidenziato, infatti – spiega Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione Politiche Economiche dell’Assemblea Legislativa – la necessità di intervenire in modo radicale, per ridurre la complessità e la durata degli iter amministrativi che li caratterizzano, evitando la duplicazione di un numero significativo di adempimenti amministrativi richiesti. Il Procedimento unico semplifica radicalmente questa situazione introducendo l’unificazione delle procedure partecipative con il principio della valutazione contestuale dell’opera. Tutto ciò si svolgerà attraverso una conferenza dei servizi, che si articola in fasi corrispondenti ai diversi livelli progettuali, in cui tutti i soggetti sono chiamati a visionare il progetto e a dare pareri”.

“Si attendono, pertanto – continua Zoffoli – vantaggi notevolissimi, sia in termini di durata complessiva del procedimento, sia di riduzione degli adempimenti amministrativi richiesti, sia di qualità progettuale delle opere e di condivisione della stessa da parte delle realtà locali. Il procedimento unico eviterà, infatti, il continuo riavvio delle procedure che attualmente consegue al fatto che ogni modifica apportata al progetto per i profili urbanistici, ambientali e progettuali, o a seguito delle prescrizioni imposte dagli enti che esprimono le autorizzazioni dovute, determina il rinnovo delle procedure di pubblicazione e partecipazione e delle restanti procedure valutative, come è successo nel caso del nuovo casello autostradale del Rubicone-Mare che ha richiesto ben 15 anni prima di poter vedere l’inizio dei lavori”.

Questa accelerazione dell’iter si accompagna, peraltro, a nuovi diritti per i cittadini: “Le persone e le associazioni interessate avranno massimo accesso agli atti – prosegue il Presidente Zoffoli – e all’intero percorso progettuale. Quando si parla di opere pubbliche nessuno dovrà mai sentirsi messo di fronte al fatto compiuto. Per questo la Regione ha previsto l’istituzione di un garante del procedimento che curerà la divulgazione dei documenti, anche e soprattutto su Internet. Un deciso cambio di rotta rispetto alle affissioni nei polverosi albi comunali”.

Sono convinto che, per uscire da questa crisi, un importante ruolo di supporto debba essere svolto da una più efficace dotazione infrastrutturale del nostro territorio provinciale: penso alla cosiddetta Via Emilia Bis e al completamento delle circonvallazioni di Forlì-Cesena. Le modifiche introdotte dalla nuova Legge facilitano il raggiungimento di questo obiettivo” conclude Zoffoli.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.