Te at chi sit e’ fiol? Riscopriamo le nostre radici e valorizziamo i nostri tanti e bravi artisti locali

Il programma della prima festa del dialetto a Roversano (Cesena), domenica 5 luglio 2009.

Una raffica di mini-spettacoli: musica, poesia, teatro e canzoni messe in scena da una quarantina d’artisti in due palchi. Tutto, rigorosamente, in romagnolo. La prima festa del dialetto in programma a Roversano, con il patrocinio del Comune di Cesena, domenica 5 luglio, dalle 18 in poi, è riuscita a coinvolgere nel giro di poco tempo moltissimi artisti locali. E ad altri ancora sarà data la possibilità di esibirsi il giorno stesso, sotto l’antica torre simbolo di Roversano, oppure nella piazzetta del Castello. Promotore della manifestazione, in collaborazione con l’associazione culturale “La Torre sul fiume”, è il Consigliere regionale Damiano Zoffoli: “L’idea mi è venuta in occasione del rifinanziamento della legge per la valorizzazione dei dialetti – spiega l’ex Sindaco di Cesenatico – ed ho voluto chiamare questa festa “Te at chi sit e fiol?” per farci riflettere sulle nostre radici, su ciò che ci ha permesso di essere quello che siamo. Il dialetto non rappresenta più, come decenni addietro, un ostacolo alla conoscenza della lingua italiana o di divisione di classe. Al contrario, la sua riscoperta può costituire oggi un arricchimento culturale e sociale per tutti. In due appositi libroni sarà possibile lasciare il nome della propria casata di origine, naturalmente rigorosamente in dialetto. Asavdèm i zenq ad loi de domela e nov, sota la tora dArvarsen!”.

Stella della serata sarà l’attore Ivano Marescotti, che arriverà assieme al Consigliere regionale Gianluca Borghi.

L’avvio, a partire dalle 18, sarà nell’area del Castello con il rock agricolo de “Il cantiere” e altra musica romagnola. Poi Valeriano Biguzzi e Laura Gazzoni, presentatori della serata, daranno la parola all’associazione Schurr che, da sempre, si occupa della tutela del romagnolo. Da lì partirà poi una girandola di spettacoli dalla durata massima di un quarto d’ora: la fisarmonica di Terzo Campana, i canti degli alpini, le poesie dei cosiddetti “Poeti di Santarcangelo” lette dal laboratorio Donatello, Ivano Marescotti. E ancora Denis Campitelli, Ilario Sirri, Giovanni Nadiani, Miro Gori, Paolo Borghi, Andrea Torri, Fabio Molari, Leonardo Maltoni e tanti altri.

Dalle 20:30 sarà attiva anche l’area sotto l’antica torre, distante 400 metri dal borgo di Roversano. Qui si esibiranno Roberto Castellucci, Maria Assunta Biondi e Dino Pieri, Giorgio Gasperini, Tonino Brunelli, Maurizio Grilli e l’eclettico Gianmarten. Da segnalare la messa in scena, ad opera di Simone Toni, del Mistero Buffo di Dario Fo, tradotto in dialetto romagnolo.

Per la ristrettezza degli spazi e la scarsità di parcheggio a Roversano sarà disponibile un servizio di navetta a partire dal Trebbo, un’area che si trova un chilometro prima del borgo, al bivio con la strada per San Carlo. In caso di maltempo la manifestazione sarà rinviata alla domenica successiva.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.