Al PD serve una rivoluzione culturale. Ci vogliono teste nuove e non solo facce nuove

Ancora una volta, la sfida sembra essere quella tra “continuisti” e “nuovisti”.

In questo modo, il Partito Democratico rischia di perpetuare l’ambiguità che gli ha fatto perdere il contatto con la gente.

Perché sia le vecchie certezze che vengono dalla storia, sia la retorica del “nuovo”, non ci aiutano a tenere i piedi nella realtà e a porci le domande su che cosa deve essere oggi il Pd, su che cosa non ha funzionato e su che cosa si deve cambiare.

All’origine del nostri malanni non ci sono il partito “liquido” o gli apparati e neppure, com’è stato detto, lo statuto e le primarie. Sono le tradizioni e le culture politiche, da cui è derivato il Pd, che hanno perso da tempo solidità e consistenza e che sono oramai inadeguate a interpretare le domande del paese.

Oggi è in discussione la nostra credibilità nel proporre e perseguire davvero politiche “nuove”, e quindi il rapporto di fiducia tra classe dirigente del partito e i suoi elettori.

Ci vogliono, perciò, teste nuove e non solo facce nuove.

Infatti se si punta alla “vocazione maggioritaria”, se si punta cioè ad ampliare l’area del radicamento, e non solo ad allargare l’alleanza, bisogna mettere in discussione la propria identità: il rapporto tra stato e mercato, l’organizzazione dello stato sociale, le relazioni con i sindacati e il rapporto tra politica, singoli cittadini e società civile.

In altre parole, bisogna cambiare. Il punto è proprio questo. Per il Pd è venuto il momento di combattere quella battaglia culturale, anche all’interno del proprio “mondo di riferimento”, che il centrosinistra italiano ha molte volte annunciato, ma non ha mai saputo, potuto o voluto praticare.

Cambiare in profondità significa batterci perché le riforme si facciano e non per bloccarle.

Ma per fare ciò, insisto, bisogna partire dalle domande giuste. Le nuove domande della nostra società a cui, ad esempio, il partito della Lega Nord dà risposte sicuramente sbagliate. Ma giuste, ripeto, sono le domande. E se non cominciamo, anche noi, a porci le domande giuste, le risposte appropriate faticheranno ad arrivare.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.