Adsl potenziata nei comuni di montagna

Dalla Regione arrivano nuove risorse per potenziare i collegamenti Internet veloci a Meldola, Civitella, Bagno di Romagna e Verghereto Internet a banda larga anche in montagna e nelle zone rurali.

La Regione Emilia-Romagna ha messo sul piatto 8,1 milioni di euro (5 milioni di risorse comunitarie e 3,1 milioni di fondi nazionali e regionali) per aumentare la copertura dell’Adsl nelle zone a bassa densità di popolazione, là dove per un operatore telefonico non è una priorità investire.

In provincia di Forlì-Cesena saranno interessate 4 centrali telefoniche, nei comuni di Meldola e Civitella di Romagna (nel forlivese), Bagno di Romagna e Verghereto (nel cesenate). Comuni in parte già coperti dal servizio Adsl light (fino a 640 kbps di velocità) che sarà esteso sul territorio o potenziato in velocità.

L’intervento è stato inserito in questi giorni dalla Giunta regionale nel pacchetto di modifiche al PSR, il Programma di sviluppo rurale 2007-2013: “L’abbandono delle montagne si combatte anche con la tecnologia – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione Politiche Economiche dell’Assemblea Legislativa – dando la possibilità a chi vive e lavora lontano dalle grandi città di accedere a servizi ormai essenziali come Internet veloce. Ed è una risposta fondamentale anche per le nostre imprese che vogliono investire, restando competitive”.

L’Emilia-Romagna ha un buon grado di copertura Adsl, con il 91 per cento della popolazione servita da Adsl su rete fissa (l’1,88 per cento dei quali con servizi light, limitati a 640 kbps di velocità) e un altro 1,96 per cento che può collegarsi al servizio senza fili.

Ma nelle zone di montagna la situazione non è rosea: il 36,4 per cento degli abitanti in quelle che il PSR definisce “aree rurali con problemi di sviluppo” è ancora scoperto. Per aumentare la copertura la Regione utilizzerà in primo luogo la società pubblica Lepida che, negli ultimi anni, ha steso 60mila chilometri di fibre ottiche di proprietà regionale collegando tra loro 341 comuni, 243 dei quali in fibra.

Gli interventi sono previsti per i primi mesi del 2010, una volta che l’Unione Europea avrà approvato la modifica al PSR.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.