Niente ticket sanitario per chi è in difficoltà lavorative

Il provvedimento, finanziato con 2 milioni di euro, è stato approvato dall’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna.

Niente ticket sanitario per chi ha perso il lavoro e per chi è in cassa integrazione. La misura, di carattere temporaneo e straordinario vuole essere un ulteriore contributo della Regione Emilia-Romagna alla situazione di crisi economico-finanziaria che coinvolge tanti cittadini anche del territorio della Provincia di Forlì-Cesena.

Il provvedimento, che rientra nella serie di misure anti-crisi varate dalla Giunta regionale, è stato finanziato, con 2 milioni di euro, nell’ambito dell’assestamento di bilancio della Regione, approvato martedì sera dall’Assemblea Legislativa.

Potranno beneficiare dell’esenzione i lavoratori, e i familiari a loro carico, che sono rimasti senza lavoro, che si sono trovati in regime di cassa integrazione (ordinaria, straordinaria e in deroga), in regime di mobilità o in contratto di solidarietà, a partire dall’ottobre 2008.

La misura resterà in vigore fino alla fine del 2009, quando la Regione attuerà un programma di valutazione dell’efficacia del provvedimento.

Si intendono familiari a carico i componenti del nucleo familiare non fiscalmente indipendenti, e sarà necessario presentare un’autocertificazione.

Per chi ha perso il lavoro è necessario essere in possesso della dichiarazione di immediata disponibilità (Dip), prodotta dall’Ufficio territoriale del lavoro, mentre i lavoratori in mobilità dovranno essere iscritti nelle apposite liste.

“Con questa scelta – dichiara Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione Politiche Economiche dell’Assemblea Legislativa – riteniamo di dare una risposta a quei lavoratori e a quelle famiglie che stanno già pagando sulla loro pelle gli effetti della crisi. È la dimostrazione che si può e si deve essere concreti, a livello di azioni di governo del territorio, nel contrastare la pesante situazione economico-finanziaria, a partire da uno dei diritti fondamentali, come la salute”.

Altre esenzioni riguardano, inoltre, i farmaci di “fascia C”, temporaneamente gratuiti per chi si trova in condizioni di estremo disagio (la spesa destinata è di 500mila euro).

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.