Sbloccata la richiesta di marchio Dop per lo Squacquerone di Romagna

 Via libera dal Ministero delle Politiche agricole per il marchio Dop: la richiesta, ferma dal 2004, è stata inoltrata alla Commissione Europea. Respinte le resistenze dei caseifici emiliani e di altre regioni.

Il formaggio molle ha tenuto duro: lo squacquerone di Romagna non potrà più essere prodotto altrove. Dopo 5 anni e mezzo il ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali ha dato ragione ai produttori romagnoli, rigettando le opposizioni dei caseifici veneti, lombardi e piemontesi.

“Si tratta di un riconoscimento delle ragioni e della storia di un vero mito di Romagna – ha commentato il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, presidente della Commissione Politiche Economiche dell’Assemblea Legislativa – tanto più importante oggi, in uno scenario dove i prodotti tipici danno al tempo stesso garanzie al consumatore e stabilità ai produttori”.

La richiesta di un marchio di Denominazione ad origine protetta (Dop) era stata presentata nel gennaio 2004 dall’associazione Squacquerone di Romagna Dop. Il Ministero aveva pubblicato la proposta sulla Gazzetta Ufficiale nel marzo 2006, a pochi giorni da una riunione pubblica tenutasi a Forlì, ma subito erano insorte aziende casearie emiliane e di altre regioni. Il loro timore, fondato, era quello di non poter più produrre formaggi chiamati Squacquerone. I tentativi di conciliazione sono stati tutti vani e così, dopo un braccio di ferro durato cinque anni e mezzo, al Ministero non è rimasto altro da fare che tagliare la testa al toro: a inizio luglio tutte le osservazioni sono state respinte, tranne una.

L’unica concessione del Ministero, accolta grazie alla documentazione storica, è stata la possibilità di utilizzare anche latte proveniente dalla provincia di Ferrara per produrre lo Squacquerone.

Ora la pratica è stata girata alla Commissione Europea che, nel giro di poco tempo, potrebbe concedere l’agognato Dop: “Un riconoscimento dovuto – conclude Zoffoli – ai caseifici romagnoli e a tanti agricoltori e allevatori per i quali questo genere di produzione rappresenta un indotto economico indispensabile”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.