“AL PD SERVE PIÙ CORAGGIO”. Le ragioni di una scelta

AL CENTRO L’ITALIA E GLI ITALIANI

Il Partito Democratico è nato per voltare pagina, per cambiare l’Italia: questa era ed è la sua missione.

La vera sfida, la sfida del congresso, non consiste, pertanto, nel pensare, innanzitutto, a quale partito ma, bensì, a quale Paese. Al centro del nostro essere e del nostro fare sta infatti il destino dell’Italia e degli Italiani.

Quale visione di società abbiamo da offrire ai nostri giovani, per farli tornare a sperare?

Serve una proposta politica che guarda avanti, per garantire a tutti il primo dei diritti: il diritto al futuro.

Il congresso, perciò, non deve servire solo ad una conta interna, ma a rilanciare un pensiero e una cultura politica che diano forza ad un un’opposizione democratica in grado, oggi, di controllare e di incalzare chi governa e di costituire, domani, un’alternativa credibile, forte e autorevole per la guida del Paese.

Al centro la crisi del Paese e le proposte del Partito Democratico per affrontarla, partendo dalla consapevolezza che il governo di centrodestra è inadeguato a mettere in campo le strategie necessarie.

Ci vogliono, perciò, teste nuove e non solo facce nuove.

Perché, sia le vecchie certezze che vengono dalla storia, sia la retorica del “nuovo”, non ci aiutano a tenere i piedi nella realtà e a porci le giuste domande sul cambiamento necessario.

In altre parole, bisogna cambiare.

E cambiare in profondità significa battersi anche all’interno del centrosinistra italiano perché le giuste riforme si facciano e non per bloccarle.

PIÙ CORAGGIO

Per riuscire in questa sfida al PD serve innanzitutto più coraggio; più coraggio per vincere la paura.

Oggi, infatti, la paura sembra essere diventata il motore del mondo: condiziona il nostro vivere quotidiano influenzandone l’umore, i gesti e le scelte.

Una paura che, crescendo, spesso diventa rabbia, che tende ad emarginare ed espellere le diversità. Anzi, ancora peggio, tende a trasformare le diversità nel loro contrario, cioè a farle diventare differenze.

E le differenze generano, a loro volta, ingiustizie e diseguaglianze e ancora paura dell’altro.

È una catena che può e deve essere interrotta.

Ecco, allora, il PD da costruire: il partito della speranza, un progetto politico che non ha paura di mostrare tutte le sue diversità per trasformarle in ricchezze ed energie per il cambiamento.

Un partito aperto, inclusivo e plurale, un argine efficace contro tutti gli integralismi e i fondamentalismi, religiosi come ideologici.

Al PD serve più coraggio, è necessario dismettere ogni atteggiamento elitario per radicarsi maggiormente nel popolo e recuperare fiducia e consenso.

In una parola: il PD deve ritrovare la politica perduta, restituire alla politica la sua dignità e la sua sobrietà.

QUALE PARTITO?

Il PD è un partito nato meno di 2 anni fa, un bambino frutto di un atto d’amore verso l’Italia e della generosità dei genitori. Il congresso deve essere l’occasione per aiutarlo a crescere e a diventare adulto, per educarlo ad acquisire una propria fisionomia autonoma e forte, per affrontare le sfide dei cambiamenti in atto nella società.

Dobbiamo evitare di rimanere attorno alla culla, chiusi in casa, a litigare per vedere a quale dei genitori più assomiglia.

Lavoriamo, invece, per dare a questa nuova creatura una più chiara identità valoriale.

Penso ai valori della libertà nella responsabilità, della partecipazione sussidiaria, della solidarietà, della legalità, in sostanza a un nuovo umanesimo e civismo, con al centro la persona e la comunità. Valori che sono il fondamento della Costituzione della Repubblica Italiana.

Nella sua crescita un’attenzione particolare va posta anche ai capricci tipici dei bambini: niente diritti, quindi, senza rispetto dei doveri. Non confondiamo i bisogni autentici e profondi delle persone, con i desideri e le voglie effimere!

A questo bambino va inoltre insegnato che nella vita bisogna impegnarsi con sacrificio e studiare, per valorizzare il merito e il talento.

Il nostro bambino deve imparare poi correttamente oltre che l’italiano, recuperando un forte senso di appartenenza alla nostra Patria, anche l’inglese per diventare un autentico cittadino europeo, senza trascurare in alcun modo il dialetto indispensabile per mantenere un forte radicamento nella propria comunità locale, preservando le proprie radici e tradizioni.

Solo crescendo robusto e con una forte personalità il bambino sarà poi in grado di scegliersi le amicizie e le compagnie. È il tema delle alleanze sulla base di un preciso progetto e di interessi comuni; ci si allea non solo per vincere, ma per governare e cambiare l’Italia.

PERCHÈ HO SCELTO DARIO FRANCESCHINI?
BASTA CON I SEGRETARI “USA E GETTA”!

Per mettere in campo una doppia “resistenza” rispetto ad una cultura dominante che, da un lato, ha una visione nostalgica di un passato che non ritorna, e dall’altro, ha scelto un presente incapace di futuro, che vive, perciò di consumismo e di usa e getta. Usa e getta le cose, le idee, i programmi, i partiti e infine, inesorabilmente, le stesse persone. Si tratta, a mio avviso, di due forme moderne di disperazione.

Per non rinunciare all’idea di un PD riformista, nuovo, plurale, aperto, inclusivo, moderno, post-ideologico, di centrosinistra. Un partito che, anche di fronte alle difficoltà dell’oggi, rinuncia alla tentazione di tornare ad un più tranquillizzante passato, quando tutto era apparentemente più chiaro e “noi eravamo noi e basta”.

È per vincere queste due sfide che ho scelto di sostenere, al prossimo congresso, Dario Franceschini come Segretario nazionale del Partito Democratico.

Se abbandoniamo il progetto della “casa nuova”, che tanto entusiasmo, solo due anni fa, suscitò con Veltroni, il rischio è di ritrovarci tutti all’addiaccio, senza casa, ma soprattutto incapaci di riscaldare questa società sempre più fredda ed indifferente.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.