Incentivi alle imprese per rimuovere l’amianto dai luoghi di lavoro. Un bando regionale mette a disposizione oltre 4 milioni di euro

Oltre 4 milioni di euro di incentivi alle imprese per rimuovere e smaltire l’amianto presente nei luoghi lavoro. Il bando, approvato dalla Giunta regionale, sosterrà concretamente l’impegno delle aziende che intendono qualificare l’ambiente di lavoro attraverso la rimozione di coperture o coibentazioni contenenti cemento-amianto” dichiara Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione assembleare Politiche Economiche.

L’iniziativa, prevista dalla Regione Emilia-Romagna nel Piano di azione ambientale, fa seguito al bando emanato nel 2004 che ad oggi ha finanziato 199 interventi. Un successivo percorso di confronto con il Tavolo dell’imprenditoria e con le associazioni economiche regionali ha portato a condividere le linee guida di questo intervento.

“Con questo nuovo intervento regionale puntiamo a due obiettivi molto importanti. – sottolinea Zoffoli – Il primo è incentivare quelle imprese che vogliono migliorare la qualità del proprio insediamento produttivo e dunque aumentare la sicurezza dei lavoratori. Il secondo attiene alla necessità di rimettere in moto l’economia grazie anche ad interventi come questi, volti ad uno sviluppo davvero compatibile con l’ambiente”.

Intendiamo, in questo modo, sostenere ed accompagnare il lavoro virtuoso che le Amministrazioni Comunali hanno iniziato in questa direzione” conclude Zoffoli.

Cosa prevede il bando

Il contributo massimo erogabile sarà di 200 mila euro per ciascuna impresa operante sul territorio regionale.

Ogni impresa potrà presentare un’unica domanda che potrà ricomprendere anche interventi su più unità locali della stessa azienda purché all’interno del territorio regionale.

Per accedere al contributo, basta presentare una domanda on-line sul sito Ermes Ambiente (www.ermesambiente.it) dal 28 al 30 ottobre, dalle ore 9 alle 18. Le imprese verranno successivamente invitate a presentare una documentazione tecnica completa del progetto che intendono realizzare e per il quale hanno richiesto il contributo regionale.

I finanziamenti saranno concessi sulla base di una graduatoria, che terrà conto dell’ordine cronologico di arrivo delle domande.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.