Carburante agevolato per uso agricolo: le aziende della nostra Regione possono chiedere un’integrazione

“Una boccata d’ossigeno per le aziende agricole dell’Emilia-Romagna, che possono presentare domanda di integrazione per ottenere ulteriore carburante agevolato per uso agricolo, rispetto all’assegnazione annuale. Vista la carenza di precipitazioni e le elevate temperature di agosto, che hanno causato l’aumento del fabbisogno irriguo delle colture e il conseguente maggior consumo di carburante, la nostra Regione ha approvato un provvedimento di integrazione” dichiara Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione assembleare Politiche Economiche.

Gli agricoltori che hanno già richiesto gasolio agevolato per irrigazione potranno presentare una nuova domanda entro il 31 ottobre e richiedere un incremento, fino al 100%, della quantità inizialmente concessa.

Il programma informatizzato per la gestione delle domande, che le imprese agricole possono presentare attraverso le associazioni di categoria, è disponibile sul portale Ermes Agricoltura (www.ermesagricoltura.it), alla voce Sportello agricolo.

“Con questo provvedimento – dichiara Zoffoli – abbiamo risposto alle richieste che il mondo agricolo ha rivolto alla Regione nelle scorse settimane. Va comunque sottolineato un dato significativo. Il 2009 è stato, dal punto di vista climatico, certamente più positivo rispetto ad anni di grande siccità come il 2003, il 2005 e 2006 nel corso dei quali si sono registrati gravissimi problemi di disponibilità idrica e rilevanti danni alle colture. Tuttavia, anche in un anno favorevole sotto il profilo delle precipitazioni, abbiamo dovuto incrementare le dotazioni di carburante per l’irrigazione. È quindi evidente che situazioni straordinarie stanno assumendo carattere di ordinarietà ed impongono un uso consapevole e razionale della risorsa idrica. Su questi temi siamo impegnati da tempo ed abbiamo conseguito risultati positivi, dimostrando che è possibile produrre in modo adeguato risparmiando fino al 30-35% dei volumi irrigui“.

“L’aspetto più importante sul quale concentrare la nostra attenzione – conclude Zoffoli – è l’esigenza di contrastare il cambiamento climatico, attuando tutte le iniziative necessarie per ridurre la concentrazione dei gas ad effetto serra, responsabili dell’aumento delle temperature. Anche da questo punto di vista, l’agricoltura, che può consentire di produrre energia senza liberare nuova anidride carbonica, può giocare un ruolo strategico che va riconosciuto e potenziato anche con riconoscimenti economici“.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.