La Regione sostiene l’affitto delle famiglie meno abbienti con 20 milioni di euro

Un intervento fondamentale, in questa fase di crisi economica, per sostenere il reddito dei nuclei meno abbienti. In provincia di Forlì-Cesena arriveranno 1,7 milioni di euro, una boccata d’ossigeno per tante famiglie del nostro territorio.

“La Regione Emilia-Romagna – annuncia il Presidente della Commissione assembleare Politiche Economiche, Damiano Zoffoli – nell’ambito degli interventi pubblici per il sostegno all’accesso alle abitazioni in affitto, ha destinato 3 milioni di euro (che si sommano ai 17.368.537,91 euro ricevuti dal Ministero delle Infrastrutture) del suo bilancio 2009 per assicurare un sostegno finanziario al reddito dei nuclei meno abbienti, che verranno resi disponibili ai Comuni della nostra Regione sulla base delle domande presentate dai cittadini”.

Obiettivi dello stanziamento straordinario della nostra Regione – prosegue Zoffoli – sono anzitutto quelli di rispondere al fabbisogno abitativo delle famiglie meno abbienti e a quello di particolari categorie sociali, attraverso l’ampliamento dell’offerta di abitazioni in affitto a canone ridotto rispetto ai valori di mercato, l’incremento e la qualificazione del patrimonio di alloggi di edilizia residenziale pubblica”.

In provincia di Forlì–Cesena sono ben 25 gli Enti che riceveranno sostanziosi contributi, per un totale di 1.669.561,33 euro – ricorda Damiano Zoffoli – per quello che è uno dei principali problemi anche di tante famiglie della nostra Provincia, ovvero la mancanza di una casa in cui vivere”.

“Tra i contributi più rilevanti si segnalano: 379.765,98 euro al Comune di Cesena, 196.884,70 euro all’Unione dei comuni del Rubicone, 108.220,63 euro al Comune di Cesenatico, 52.624,33 euro a quello di Gambettola. Una boccata d’ossigeno importante per gli Enti locali impegnati a mantenere la coesione sociale in un momento difficile per tanti cittadini che si trovano improvvisamente senza lavoro o con una occupazione precaria” conclude il Consigliere Zoffoli.

Il riparto delle risorse disponibili sarà effettuato sulla base dei dati trasmessi on-line dai Comuni e relativi alle domande ammissibili pervenute.

Il contributo a carico della Regione Emilia-Romagna è stato stabilito nella misura dell’85% del totale; nel caso di richieste eccedenti le risorse disponibili, nella ripartizione delle risorse agli Enti beneficiari, i contributi saranno ridotti in misura proporzionale alle disponibilità.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.