Caccia in deroga allo storno: il TAR dà ragione alla Regione Emilia-Romagna

Soddisfatto dal pronunciamento, la priorità è contenere i danni all’agricoltura del nostro territorio.

«L’ordinanza del TAR (Tribunale Amministrativo Regionale) di Bologna che rigetta la richiesta di sospendere l’uso della normativa adottata dalla Giunta Regionale dell’Emilia-Romagna per l’esercizio delle deroghe autorizzative del prelievo dello storno e della tortora dal collare in alcune realtà, a contenimento dei danni alle produzioni agricole, è un’ottima notizia» affermano i Consiglieri del Partito Democratico in Regione Emilia-Romagna Damiano Zoffoli e Mario Mazzotti.

«Il provvedimento della Giunta Regionale era stato adottato per difendere le produzioni agricole del nostro territorio e, certo, non per praticare regimi di caccia indiscriminati. – proseguono Zoffoli e Mazzotti – La prova di ciò sta nel fatto che oltre alle Associazioni Venatorie (Arci Caccia, Federcaccia, ed Anuu) anche Coldiretti, Confagricoltura e Cia si sono impegnate attivamente davanti al TAR per sostenere queste due deroghe, che trovano oggi riscontro positivo anche sul piano tecnico e giuridico nel pronunciamento del Tribunale di Bologna. Ora, è quanto mai indispensabile che il Governo, anziché fare delle chiacchiere e delle promosse inutili sulla caccia, faccia pienamente la sua parte in sede Europea per eliminare dalla “direttiva uccelli”, l’assurda norma che individua lo storno come specie in via di estinzione».

«In Emilia-Romagna – concludono i Consiglieri – abbiamo attuato politiche di governo del territorio, sostenibili e partecipate, delle quali l’attività venatoria è parte fondamentale. Cacciatori, agricoltori e ambientalisti, nella nostra Regione, sono soggetti attivi della programmazione e della concertazione».

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.