Soddisfazione per la sentenza che autorizza la caccia allo storno

“La decisione del Consiglio di Stato (che segue analogo pronunciamento del Tar) – afferma Damiano Zoffoli, Consigliere regionale del Partito Democratico – di respingere la richiesta, avanzata da organizzazioni animaliste, di sospendere la caccia allo storno, conferma la validità della politica amministrativa della Regione Emilia-Romagna che autorizza la caccia allo storno in deroga, per contenere i danni che questa specie animale arreca alle colture agricole. La sentenza mette quindi fine a una querelle giuridica che da anni crea incertezze tra cacciatori e agricoltori. Da sempre la politica venatoria della Regione e delle Istituzioni locali è volta a favorire il prelievo venatorio nel rispetto dei calendari annuali e in collaborazione con le associazioni agricole che da anni denunciano i danni che animali come lo storno arrecano alle varie colture. Lo scorso anno tali danni sono ammontati a quasi 300 mila euro. La collaborazione tra associazioni venatorie e agricole è una delle forme più avanzate di concertazione che non può essere messa continuamente in discussione da organizzazioni che agiscono esclusivamente in maniera preconcetta nei confronti della caccia”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.