Rendere stabile la misura del 5 per mille: la sussidiarietà non è elemosina. Presentata una risoluzione all’Assemblea Legislativa

“Grave preoccupazione per la bocciatura degli emendamenti tesi ad assicurare la reintroduzione della misura economica del 5 per mille a favore del terzo settore, e degli altri soggetti che negli anni scorsi ne hanno beneficiato, come chiesto in questi giorni anche da Francesco Belletti, presidente del Forum delle Associazioni Familiari ed Andrea Olivero, portavoce del Forum del Terzo Settore”.

È quanto esprime il Presidente della Commissione assembleare Politiche Economiche, Damiano Zoffoli, che ha presentato, come primo firmatario, una risoluzione all’Assemblea Legislativa che “invita la Giunta regionale ad adoperarsi presso il Governo nazionale, il Ministero dell’Economia e delle Finanze e il Parlamento perché, nella legge Finanziaria 2010, quale coerente applicazione del quarto comma dell’art. 118 della Costituzione Italiana, venga reintrodotto, in forma stabile e senza limitazioni di tetto, il 5 per mille come strumento di solidarietà e sussidiarietà per finanziare il volontariato e la ricerca, e quindi a rivedere il modello per la dichiarazione dei redditi 2010, prevedendo lo specifico rigo per l’erogazione da parte dei contribuenti”.

Con l’atto si chiede inoltre di valutare “una diversa copertura finanziaria rispetto allo “scudo fiscale”, che si ritiene inopportuna al sostegno del non profit, in quanto entrata proveniente da evasione fiscale di chi, in tal modo, è venuto meno al suo dovere sociale” e di erogare “al più presto al Terzo Settore i fondi del 5 per mille per il 2008 già versati dai cittadini italiani, anche semplificando le procedure per la rendicontazione che spettano agli Enti beneficiari”.

“Tre milioni di volontari, oltre 30mila organizzazioni non profit, 700mila dipendenti: sono questi i numeri del Terzo settore italiano, ovvero quel mondo, fatto di solidarietà, volontariato, partecipazione civica ed economia sociale che non è né Stato né mercato. Un mondo fatto di persone – prosegue Zoffoli – giovani e meno giovani, impegnate per un ideale di giustizia e orientate dai valori della sussidiarietà, che negli ultimi 20 anni è costantemente cresciuto fino a diventare interlocutore irrinunciabile delle istituzioni ed elemento portante anche del sistema economico”.

“La sussidiarietà non è elemosina – conclude il Consigliere Zoffoli – ma qualcuno sembra non averlo ancora capito. Forse il legislatore non sa che proprio in questi tempi di crisi le organizzazioni sociali italiane hanno moltiplicato le iniziative e sono in prima fila per la tenuta sociale del Paese. In tal modo, invece, gli si impedisce di poter programmare e stabilizzare i propri progetti, per meglio proseguire ne loro generoso impegno a servizio della collettività”.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.