La Regione si schiera al fianco del commercio equo e solidale

“L’apertura della nuova sede della Bottega del Mondo di Cesena, in piazza del Popolo, è una bella notizia. Come Regione Emilia-Romagna siamo pronti a sostenere il commercio equo e solidale con una nuova legge da votare entro un mese”.

Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione “Politiche Economiche” dell’Assemblea Legislativa regionale, ha commentato così l’inaugurazione della nuova bottega che ha aperto i battenti sabato pomeriggio a Cesena (nei locali dell’ex libreria Minerva), gestita dall’Associazione Sale della Terra e dalla cooperativa Equamente di Forlì.

Il commercio equo e solidale è un movimento che in Provincia conta centinaia di soci attivi (200 solo a Cesena) e riscuote un interesse crescente. Con l’acquisto di questo genere di prodotti i consumatori, attraverso scelte libere e responsabili, possono fornire opportunità di sviluppo a produttori e lavoratori contribuendo alla riduzione del divario tra Nord e Sud del mondo. Migliaia di persone possono continuare così a vivere nel loro paese d’origine con un lavoro dignitoso.

Obiettivi condivisi dalla Regione Emilia-Romagna. Lunedì scorso, a Bologna, è stato fatto un passo avanti verso l’approvazione di una legge che incentiverà lo sviluppo e la diffusione di questi prodotti: “In Commissione Politiche Economiche – spiega il Presidente Zoffoli – abbiamo incontrato le associazioni e egli enti interessati al progetto di legge, trovando piena condivisione da parte di tutti. Al riguardo si sono espressi l’Agices, il Consorzio Iniziative Solidali, Altraqualità, Confesercenti, l’associazione Botteghe del mondo, Coldiretti e l’istituto di certificazione Icea. Questa legge da un lato garantirà i consumatori sulla provenienza dei prodotti e dall’altro metterà in campo una serie di iniziative di sensibilizzazione nelle scuole e su Internet. Alle organizzazioni del settore saranno concessi poi finanziamenti per gli investimenti, la ristrutturazione delle sedi e l’acquisto di attrezzature”.

In Italia ci sono 600 botteghe di commercio equo e solidale che coinvolgono 60mila persone tra dipendenti volontari e soci. Ad oggi, però, la spesa pro-capite degli italiani per questo genere di prodotti è di appena 35 centesimi l’anno, la più bassa d’Europa.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.