Piano paesistico regionale: più tutela per l’ambiente, le città e le periferie

Approvata in Assemblea Legislativa la Legge che ha come obiettivo il miglioramento della qualità del territorio, delle città, delle periferie e delle aree degradate.

«La Legge che abbiamo approvato oggi, Norme in materia di tutela e valorizzazione del paesaggio, modifica la legge 20 del 2000, Disciplina generale sulla tutela e l’uso del territorio. E’ una nuova normativa destinata a migliorare la qualità del territorio, delle città, delle periferie, delle aree degradate. – hanno sottolineato i consiglieri regionali Damiano Zoffoli e Giuliano Pedulli – Si approvano le procedure per l’adeguamento di uno strumento strategico per la tutela del paesaggio, come il Piano Paesistico regionale (Codice Urbani) connettendolo alle norme urbanistiche e territoriali e si istituisce la commissione regionale per il paesaggio».

«Dalla discussione – proseguono Zoffoli e Pedulli – è emerso il tema della deregolazione di fatto a cui sono soggetti gli impianti industriali di produzione di energia da fonti rinnovabili. La materia dovrà essere normata da linee guida nazionali, tuttora assenti, emanate con l’intesa della Conferenza Stato-Regioni. Tale assenza impedisce di avere norme precise ad esempio per la realizzazione e localizzazione di impianti eolici, di impianti di fotovoltaico di grandi dimensioni in campagna e di impianti di biomasse. Nel ribadire che il Piano Paesistico regionale vigente ha valore anche in materia energetica, la legge invita la giunta, in attesa delle linee guida nazionali, ad emanare un atto ricognitivo in materia».

«Consideriamo fondamentale e prioritario assicurare un ruolo attivo e propositivo dei valori paesaggistici, quale elemento centrale per il rilancio dell’immagine e dell’identità regionale, della qualità territoriale e come fattori di sviluppo equilibrato e sostenibile anche sotto il profilo economico-sociale. Facciamo anche oggi un passo in avanti per assicurare più qualità all’Emilia-Romagna, al suo territorio, ai cittadini che lo abitano. Il paesaggio ha un ruolo chiave per dare più benessere, è un prezioso elemento identitario della nostra Regione» concludono i Consiglieri.

Cosa cambia con la nuova Legge

Con questa Legge la Regione Emilia-Romagna si dota di una politica per il paesaggio con un obiettivo ben preciso: migliorare la qualità del territorio, delle città, delle periferie, delle aree degradate. Un ruolo centrale, quello del paesaggio, per rilanciare l’immagine e le specificità della Regione. Un ruolo che riteniamo debba essere propositivo, progettuale e partecipato per “disegnare”, in connessione con il Piano Territoriale Regionale (PTR), luoghi migliori in cui vivere, lavorare, divertirsi, producendo nuovi valori, identità, significati, riferimenti territoriali che sono alla base del senso di appartenenza ad un territorio e ad una comunità.

Un aspetto peculiare della nuova legge è quindi quello di avere affiancato, alla tradizionale attività della tutela attuata con il Piano Territoriale Paesistico Regionale (che viene confermato nella sua struttura e contenuti essenziali, e che sarà adeguato in collaborazione con il Ministero dei Beni Culturali e la Direzione Generale per i Beni culturali e paesaggio), un percorso progettuale teso alla valorizzazione delle specificità paesaggistiche che connotano il territorio regionale, e al recupero delle aree compromesse e degradate.

La Legge prevede anche il monitoraggio delle trasformazioni, da realizzarsi attraverso l’Osservatorio regionale per la qualità del paesaggio, perché solo attraverso il controllo delle dinamiche territoriali è possibile ottenere gli obiettivi previsti.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.