La Regione a fianco di chi ha perso il lavoro. Esenzione dal ticket sanitario e farmaci gratis per licenziati e cassintegrati: misure prorogate sino al termine del 2010

«La Regione Emilia-Romagna ha deciso di prorogare al 31 dicembre 2010 l’esenzione dal ticket sanitario sulle visite e gli esami specialistici rivolte alle persone residenti nel nostro territorio che hanno perso il lavoro o sono in cassa integrazione. Contestualmente è stata prorogata anche l’erogazione gratuita di farmaci di fascia C a persone in situazioni di estremo disagio sociale».

Il Consigliere Regionale del PD, Damiano Zoffoli, è soddisfatto e spiega: «La decisione della Giunta regionale nasce dalla consapevolezza che gli effetti della crisi economica continuano a farsi sentire e bisogna quindi mettere in campo misure concrete per alleviare le difficoltà delle famiglie. L’esenzione dal ticket riguarda infatti i lavoratori che hanno perso il posto di lavoro a partire dall’1 ottobre 2008, o che si trovano in cassa integrazione straordinaria, ordinaria o in deroga, in mobilità o con contratto di solidarietà. L’esenzione riguarda anche i famigliari a carico».

Come procedere. Secondo quanto stabilito per usufruire dell’esenzione, è necessario compilare il modulo di autocertificazione del proprio stato occupazionale: tale modulo viene consegnato alle persone interessate dagli uffici dell´Azienda Usl al momento della visita o dell´esame. In particolare, chi ha perso il lavoro deve essere in possesso della Dichiarazione di immediata disponibilità (Did), rilasciata dal Centro per l´impiego, presente in ogni provincia, e di essere in attesa di occupazione. Per i lavoratori in mobilità è necessario anche essere iscritti nelle liste di mobilità ed essere in possesso di Dichiarazione di immediata disponibilità.

La distribuzione gratuita dei farmaci di fascia C riguarda le famiglie in situazioni di estremo disagio sociale individuate o in carico ai Servizi sociali dei Comuni. Si tratta di farmaci indicati nei Prontuari delle Aziende sanitarie e in distribuzione diretta, dunque da farmacie delle stesse Aziende sanitarie. Le misure straordinarie ora prorogate erano state introdotte l’1 agosto dello scorso anno e la scadenza prevista era il 31 dicembre 2009. L’impegno complessivo della Regione per sostenere tali misure è di 2 milioni di euro.

A chi rivolgersi. Per ulteriori informazioni rivolgersi al numero verde gratuito del Servizio sanitario regionale dell’Emilia-Romagna 800 033 033, attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 17.30, il sabato dalle 8.30 alle 13.30.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.