Meno burocrazia e più sostegni per gli artigiani emiliani e romagnoli

Meno burocrazia e più sostegni per gli artigiani emiliani e romagnoli. A prometterlo è la Regione con una proposta di legge approvata oggi dalla Commissione “Politiche Economiche” dell’Assemblea Legislativa.

Con questa legge-quadro diamo risposta alle esigenze del mondo artigiano – spiega il Presidente della Commissione Damiano Zoffoli, relatore del provvedimento – rese ancora più urgenti dal periodo di crisi economica. Non solo riduciamo la burocrazia legata alla nascita e alla vita delle imprese, ma ci impegniamo anche a sostenere il ricambio generazionale e a garantire l’accesso al credito e agli investimenti“.

Il progetto di legge, frutto di un lungo confronto con l’Assessorato regionale, è nato a seguito della riforma del titolo V della Costituzione (il cosiddetto “federalismo del centrosinistra”) che, dal 2001, annovera l’artigianato tra le materie di esclusiva competenza regionale.

Le nuove “Norme per la tutela, la promozione, lo sviluppo e la valorizzazione dell’artigianato” prendono il posto di due leggi del 1994 e del 2001. In 17 articoli si sfoltiscono una serie di norme e adempimenti recependo, tra l’altro, il procedimento di “impresa in un giorno” previsto da una legge del 2007 per la nascita delle nuove attività.

“Con un’unica domanda in via telematica – continua Zoffoli – gli artigiani saranno in regola con tutti gli adempimenti finanziari, fiscali e assistenziali. Nella legge sono previsti poi azioni di tutela dell’artigianato artistico e tradizionale, stimoli alla nascita di nuove imprese, sostegni particolari per l’ambito ambientale e delle energie alternative”.

È inoltre previsto uno snellimento degli organi di tutela e rappresentanza dell’artigianato, oggi organizzati su base provinciale e regionale, con oltre 170 persone e un costo di funzionamento di circa 400mila euro. Con l’entrata in vigore della riforma rimarrà in vita solo una commissione regionale di 21 membri (20 designati dal mondo dell’artigianato, 1 dalla Regione) affiancata dal nuovo “Servizio per le attività di amministrazione in materia di artigianato”, con un sensibile risparmio.

La nuova legge sarà votata dall’Aula nell’ultima seduta del Consiglio prima del suo scioglimento, ai primi di febbraio.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.