Il nuovo PIANO TERRITORIALE REGIONALE: lo spartito aggiornato su cui innestare le politiche future e di futuro per la nostra Regione – 128

Carissimi,

sperando di fare cosa gradita vi segnalo il link (www.regione.emilia-romagna.it/ptr/) al quale potrete consultare tutti gli atti inerenti il PTR (Piano Territoriale Regionale) dell’Emilia-Romagna: ovverosia la cornice, lo strumento attraverso il quale verrà disegnato il futuro europeo del nostro territorio e delle nostre comunità. Il PTR costituisce infatti l’atto più rilevante della nostra Regione, rappresenta il disegno strategico che ambisce ad articolare l’intero ventaglio degli strumenti di programmazione esistenti. La sua visione strategica è soprattutto il risultato di una condivisione che darà forma alla regione che vogliamo diventare.

Buona lettura!
Damiano Zoffoli

L’Emilia-Romagna è una regione che lega la propria identità ad una storia, ad una strada, allo scambio ed all’interdipendenza – dal punto di vista economico, delle idee e delle culture – con l’Europa e con il mondo. Snodo strategico fondamentale, cerniera logistica e luogo di straordinaria dinamicità economica ed imprenditoriale, ha saputo elaborare, nei decenni, modelli di convivenza civile e di coesione sociale che l’hanno portata ai vertici continentali di qualità dello sviluppo della società.

Oggi l’Emilia-Romagna ha davanti a se nuove sfide.

Principalmente, quelle che coinvolgono tutto il pianeta e tutto il mondo occidentale: la “sostenibilità” del futuro, la globalizzazione, la complessità delle reti di relazione. Ma esistono anche sfide specifiche per il nostro territorio, legate innanzitutto alle aspettative legittime che i nostri cittadini hanno a partire dal mantenimento ed innalzamento della qualità della loro vita, a fronte di fenomeni totalmente nuovi ed ancora da comprendere forse a pieno – dall’immigrazione all’internazionalizzazione dell’economia – che pure già accadono ma le cui conseguenze ancora non siamo in grado di calcolare.

Si tratta quindi di navigare in mare aperto senza la bussola delle risposte già sperimentate, percorrendo rotte nuove.

Sono tre gli elementi fondamentali per ottenere una regione socialmente, economicamente e culturalmente “robusta”: il capitale umano, il capitale sociale e il capitale naturale.

Il capitale non va dissipato. Ma non va nemmeno semplicemente custodito. Va fatto circolare. Va aumentato. Bisogna investire proprio su chi quel capitale l’ha generato, a partire dai cittadini stessi dell’Emilia-Romagna, applicando in pieno l’articolo 118 della Costituzione: “Stato, Regioni, Città metropolitane, Province e Comuni favoriscono l’autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà”.

Si tratta di creare uno spazio pubblico dei beni comuni, in cui sia possibile costruire un nuovo patrimonio collettivo: di tutti e di ciascuno, arginando l’individualismo che è la non-soluzione appannaggio di altre culture politiche.

Questo sforzo di trasformazione, necessario per cogliere le opportunità del futuro, si fonda su un tessuto di servizi alla persona ed alla collettività, che le nostre amministrazioni forniscono e che in Emilia Romagna hanno costituto finora l’ossatura stessa delle comunità locali. Il tema federalismo fiscale diviene allora essenziale per stabilire come attribuire le risorse alle regioni, e all’interno della regione quale organizzazione amministrativa e quale assetto istituzionale darci per ottimizzare l’uso di queste risorse. Si pone già oggi il tema di come aumentare le autonomie di tutte quelle istituzioni che comunque oggi sono vincolate ai trasferimenti centrali, come appunto le università e i grandi istituti di ricerca, essenziali per lo sviluppo di una economia fortemente legata all’innovazione e al trasferimento tecnologico.

In un quadro in cui bisognerà affrontare molti nodi essenziali per lo sviluppo, l’Emilia Romagna deve consolidare e compattare l’intero territorio regionale per evitare quella tentazione di isolamento comunale, che porta con sé il rischio di essere sempre troppo piccoli di fronte ai problemi che dobbiamo affrontare.

Per estensione territoriale, per popolazione, per grado di urbanizzazione l’Emilia Romagna è già una area di riferimento in Europa, che deve poter aumentare la sua presenza valorizzando ancor più la sua integrazione interna e la complementarietà fra i suoi ambiti territoriali.

Per uno sviluppo armonico e sicuro, uno sviluppo “umano”, come si dice nelle istituzioni internazionali, della nostra società regionale identifichiamo 4 assi di azione:

– mobilità ed infrastrutture per integrare e valorizzare il nostro territorio;
– qualità urbana ed ambiente per sostenere una qualità della vita più alta;
– comunità locale e garanzia sociale per garantire alle persone una vita serena;
– ricerca, innovazione, imprenditorialità per uno sviluppo sostenibile e sicuro.

Fare questo non significa inseguire la definizione di un nuovo fantomatico modello. L’Emilia Romagna deve anzi liberarsi da questa angoscia di essere modello. Modello evoca un idea statica della società e dei suoi bisogni. E in quanto tale fuori dal tempo e dalla storia di oggi. L’Emilia-Romagna deve essere invece un sistema territoriale che coopera e, allo stesso tempo, compete con i più avanzati sistemi territoriali d’Europa nella definizione di politiche di governo.

Se questa è la prospettiva che abbracciamo ne consegue il bisogno insopprimibile di scelte. Governare vuol dire scegliere: scegliere vuol dire non fare contenti tutti. Vuol dire concertare le politiche ma poi far prevalere il coraggio sulla titubanza, la decisione sulla mediazione. Un coraggio che muove sicuro dai risultati che in questi anni si sono ottenuti, ma proprio perché poggia su basi solide non ha la paura di volare alto.

Decisione, coraggio, scelta e governo sono le parole chiave anche della costruzione del sistema regionale che il PTR recentemente presentato in tutti i territori della Regione, tratteggia come la prospettiva di futuro e di futuro a lungo termine.

Dare corpo al sistema territoriale emiliano romagnolo significa fare un passo avanti, un passo oltre il policentrismo, almeno così come lo abbiamo conosciuto. Non per disconoscerlo, né tantomeno per disconoscere l’indubbio ruolo che ha svolto per una crescita armonica ed equilibrata della nostra Regione.

Ma perché la competizione globale oggi ci chiede sistemi territoriali funzionali, efficienti, reti di eccellenze complementari e non sovrapposte o addirittura competitive all’interno del medesimo contesto territoriale. Fare questo nel nostro sistema regionale significa portare a compimento le scelte sulle grandi infrastrutture e sui poli di attrazione dell’Emilia-Romagna.

Concretamente, per esempio, significa dare vita al network delle fiere, significa una politica dell’aeroportualità regionale razionale e all’insegna della complementarietà e della specificazione. Solo così la Regione sistema diverrà qualcosa di concretamente percepibile a tutto vantaggio della competitività dell’Emilia Romagna.

Perché oggi sono premiati i territori che sanno rappresentarsi in modo unitario, anche attraverso l’individuazione e la valorizzazione esplicita di un hub centro rappresentato da un sistema metropolitano di rango europeo.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.