Stanziati, dalla Regione, da 90mila euro per terminare i lavori di recupero dell’antica Pieve di Monte Sorbo

L’antica pieve di Monte Sorbo, nel comune di Mercato Saraceno, tornerà a nuova vita grazie a fondi regionali. Ad annunciarlo è il Consigliere regionale Damiano Zoffoli (Pd): “Qualche giorno prima di Natale la Giunta ha accolto la richiesta di finanziamento della diocesi di Cesena-Sarsina per il restauro ed il consolidamento della chiesa, un edificio che ha sulle spalle 1500 anni di storia. Dalla Regione arriveranno 90mila euro”.

La somma dovrebbe coprire integralmente i lavori di restauro, progettati dall’architetto riminese Pier Vittorio Morri. Fino a poco tempo fa la chiesa, posta sull’antica via dei Romei che conduceva i pellegrini a Roma, si trovava in condizioni a dir poco precarie. Alcuni interventi d’emergenza ne avevano scongiurato il crollo, mettendo in sicurezza l’edificio, ma l’alto costo dei restauri non faceva sperare nel proseguimento dei lavori. Il finanziamento regionale invece, stanziato a soli due mesi dalla domanda, darà nuova linfa al recupero di Monte Sorbo, permettendo la riorganizzazione del lapidario, il restauro della sacrestia, degli arredi fissi e della scala interna.

La Giunta ha ritenuto il progetto “di rilevante importanza per il sistema religioso e culturale regionale”. Per questo il progetto è stato finanziato al 100 per cento attingendo dai fondi a disposizione per l’erogazione di “contributi in conto capitale per il recupero ed il restauro di immobili di particolare valore storico-culturale”.

Ma non c’è bisogno di una legge per capire il grande valore della chiesa di Monte Sorbo. Qui, lungo l’antico cammino che portava i pellegrini al cuore della cristianità, si sono stratificati secoli di devozione. Posta su di un colle pochi chilometri a nord ovest di Mercato Saraceno, per i “romei” la pieve rappresentava un importante punto di riferimento, tanto che nel Medio Evo dipendevano da Monte Sorbo una dozzina di cappelle locali.

Dedicata a Santa Maria Annunziata, le prime notizie certe sulla chiesetta si hanno a partire dal 1223. Ma le sue radici affondano fino a sei o sette secoli prima di quella data, come testimoniano fior di ritrovamenti. Una ulteriore conferma dell’importanza di Monte Sorbo è data anche dalla presenza della tomba, all’interno della chiesa, del vescovo Florentius di Sarsina, morto pochi anni prima del 1000. In tempi più recenti, invece, la pieve è stata il punto di partenza di cammini di preghiera verso Sarsina organizzati dalla diocesi.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.