Nasce l’associazione “Te ad chi sit e’ fiol?” per la promozione e la diffusione del dialetto romagnolo. L’appuntamento “a vegia” è per lunedì 15 febbraio, al Bonci

Una serata di spettacoli, con poesie, musiche, racconti, canzoni e comicità, per ritrovarsi in allegria, nel nome del dialetto romagnolo. L’appuntamento con “A Vegia” è per lunedì sera, alle ore 21, nel foyer del Teatro Bonci di Cesena. L’accesso è libero e, proprio come nelle veglie di paese, ci saranno vino e ciambella per tutti.

Non si tratta di un evento estemporaneo, bensì di un’ulteriore tappa in quel cammino per la valorizzazione del romagnolo cominciato con il convegno dell’aprile scorso “Dialetto, lingua viva” nella sala Cacciaguerra della Banca di Cesena: “Il dialetto romagnolo è una lingua assolutamente viva – afferma il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – capace di parlare dritto al cuore degli uomini d’oggi, abbattendo steccati e convenzioni e la sua riscoperta può costituire un arricchimento culturale e sociale per tutti”.

L’estate scorsa Zoffoli, che con altri colleghi ha impegnato la Giunta regionale a finanziare iniziative in favore dei dialetti, è stato tra i promotori della festa Te ad chi sit e fiol? nel borgo di Roversano, sulle prime colline cesenati. Un evento che ha richiamato, tra l’arco e la torre “d’Arvarsen”, migliaia di persone da tutta la Romagna.

Forti di quell’esperienza, lo stesso gruppo ha organizzato “A Vegia” e nel corso della serata presenterà una nuova associazione culturale, che non poteva altro che chiamarsi “Te ad chi sit e fiol?”, nata per dare continuità alle iniziative, che sarà presieduta da Leonardo Belli.

Nel corso della serata, improntata al classico modello della “vegia” romagnola, si esibiranno i poeti Gianfranco Miro Gori, Leonardo Maltoni e Giovanni Nadiani, accompagnati dalle musiche d’organetto e dalle canzoni di Valter Salvi e Renato Bartolini.

L’attore Ilario Sirri interpreterà poi testi di Olindo Guerrini, Aldo Spallicci, Agostino Lugaresi, Cino Pedrelli, Walter Galli, Raffaello Baldini e Pietro (Rino) Spada.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.