La Regione sostiene i giovani e gli adolescenti con 2 milioni di euro, 203mila dei quali saranno destinati a progetti in provincia di Forlì-Cesena

Quella sulle giovani generazioni è stata una delle leggi più significative dell’ultima legislatura regionale. Ora la Giunta dell’Emilia-Romagna ha assegnato un’altra tranche di fondi per i progetti presentati dagli Enti pubblici per la ristrutturazione, l’acquisto o l’adeguamento di immobili destinati a giovani ed adolescenti. Si tratta di 2 milioni di euro per il 2010.

“Questi fondi vanno a finanziare solo una parte di quanto previsto dalla legge – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, ricandidato alle elezioni del 28 e 29 marzo – e danno seguito ai contributi assegnati alle realtà della società civile (cooperative sociali, volontariato, oratori, …): quel sostegno in chiave di sussidiarietà che è la vera novità di questa legge. Di questi 2 milioni di euro, più di 203mila saranno destinati a progetti nella nostra Provincia”.

Sono state infatti giudicate ammissibili 15 domande provenienti dai Comuni della Provincia di Forlì-Cesena. I progetti vincitori costeranno in tutto 712mila euro, coperti per poco meno del 30 per cento dai contributi regionali (40 per cento erogati in acconto e 60 per cento a fine lavori).

Nel cesenate saranno interessati i comuni di Savignano del Rubicone (10mila euro per l’insonorizzazione della sala prove e studio di registrazione ex fonoteca), Cesenatico (6mila euro per l’adeguamento della sala prove Giulio Capiozzo), Gatteo (21mila euro per la ristrutturazione del centro giovani di Sant’Angelo) e Verghereto (1700 euro per il campo da calcetto e tennis). Cesena, Montiano e Mercato Saraceno avevano presentato un progetto unico (potenziamento dei servizi associati di aggregazione giovanile) per il quale riceveranno 21mila e 600 euro.

“La strada imboccata è quella giusta – ha commentato Zoffoli – ma nella prossima legislatura bisognerà andare ben oltre. La cornice normativa c’è, la Regione, sostenendo tutte le agenzie educative, dovrà solo mettere mano al portafoglio varando uno straordinario piano per l’adolescenza, capace di superare i vecchi progetti giovani dei singoli Comuni ai quali, troppo spesso, venivano riservate solo le briciole di bilancio”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.