Sarubbi a Cesena: le ragioni di un impegno

La difesa dei valori cattolici? Potrei farla in pantofole nell’Udc. Sarebbe più facile per me. Ma io non voglio difendere i valori cattolici. Cosa c’è rimasto da difendere in questa società? Vi sembra forse permeata di valori? No, io non voglio difendere: voglio testimoniare. Vivere ciò in cui credo in prima persona per esserne testimone, come farebbe un missionario comboniano in terra di missione, non come una guardia svizzera arroccata in difesa di qualcosa che non c’è più“.

Sono parole semplici, ma efficaci, quelle scelte dall’onorevole Andrea Sarubbi per spiegare il suo impegno di cristiano in politica. Di più, di cristiano nel Partito Democratico, un soggetto politico di fronte al quale tanti fedeli storcono spesso il naso.

A Cesena per un incontro pubblico con Damiano Zoffoli, Consigliere regionale ricandidato alle elezioni del 28-29 marzo, Sarubbi ha spiegato ai ragazzi presenti come conobbe l’ex sindaco di Cesenatico: “Un paio d’anni fa mi incuriosì una sua interpellanza sull’estensione all’intera Regione del Protocollo di Forlì, un metodo di applicazione della 194 che ha permesso un calo degli aborti puntando sulla prevenzione. Scrissi un post sul mio blog intitolato comunisti vegetariani e da allora il rapporto tra noi non si è mai interrotto. Sono venuto qui a Cesena perché Damiano è veramente una persona che merita”.

Sarubbi ha lasciato il suo lavoro di giornalista televisivo per la politica (“dopo tanti anni passati a raccontare storie altrui ho scelto di viverle da protagonista”) con una visione ben chiara del proprio impegno: “Il sale e il lievito – ha spiegato parafrasando un brano del Vangelo – danno sapore al mondo, funzionano, se non li senti. Bisogna essere pronti a sciogliersi e diventare qualcosa di altro”.

Un esempio di questo difficile lavoro di sintesi può essere quello del progetto di legge sulla cittadinanza: “Cominciai ad occuparmene subito dopo le elezioni – spiega Sarubbi – conscio però di essere minoranza in Parlamento. Per questo ho cercato colleghi sensibili al tema nelle file della maggioranza, presentando il progetto di legge Sarubbi-Granata (Pdl). Non sarà la migliore delle leggi possibili dal nostro punto di vista, ma se approvata riuscirà a migliorare la vita di tanti stranieri, e dei loro figli, raggiungendo comunque un obiettivo importante”.

Anche sul tema della laicità, troppo spesso brandito come una clava nei confronti dei cattolici, Sarubbi ha le idee molto chiare: “Per me laicità vuol dire dipendenza dai principi ma autonomia ed apertura nelle decisioni. Al momento di tradurre i principi in scelte concrete le strade sono sempre tante e diverse: bisogna decidere filtrando in coscienza, cercando soluzioni possibilmente condivise e assumendosi dei rischi“.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.