Patto di stabilità e federalismo fiscale: le proposte del Partito Democratico

A fianco dei Comuni, per affrontare la crisi, contro un Governo federalista a parole e centralista nei fatti.

Mai come oggi, in un periodo di crisi economica con evidenti risvolti di natura sociale, sarebbe necessaria una visione strategica condivisa sul ruolo degli Enti Locali nel nostro Paese, fatta di idee, ma soprattutto di fatti concreti e tempi certi. Parlare di cose concrete significa innanzitutto parlare di risorse. Esse sono il discrimine, la cartina di tornasole, di una reale volontà federalista.

E invece, nonostante il pronunciamento pressoché unanime del Parlamento e le motivate lamentele dei Sindaci di ogni colore politico, viene ribadito il meccanismo del patto di stabilità che strozza la capacità dei Comuni di essere fattore di sviluppo del territorio. È una scelta in contraddizione con la necessità di provvedimenti anticiclici, che stimolino gli investimenti pubblici.

I vincoli del patto di stabilità si stanno dimostrando non intelligenti, perché bloccano, per l’appunto, chi può fare investimenti, e lascia “intoccabili” nei fatti chi realmente spreca denaro pubblico e non qualifica i servizi.

Non può esserci una dicotomia così grande fra ciò che si evoca nella retorica federalista e l’operatività concreta concessa, anzi negata, ai Comuni virtuosi.

Insomma se il federalismo fiscale è il futuro, sul quale attendiamo al varco il Governo, il patto di stabilità e i suoi vincoli sono un freno e un presente troppo faticoso per il sistema degli Enti Locali.

A tal fine, il Partito Democratico dell’Emilia-Romagna, ha preparato un ordine del giorno, da presentare in tutti i Consigli Comunali, con cui si chiede:

– l’attuazione del federalismo fiscale così come previsto dalla Legge 42/2009, per accrescere l’autonomia finanziaria dei Comuni e, nel contempo, la responsabilità degli amministratori;

– la modifica degli obiettivi e delle regole del patto di stabilità, per sostenere la spesa per investimenti, favorire politiche di coesione sociale e premiare i Comuni virtuosi;

– la restituzione completa (e la rivalutazione) dell’ICI prima casa;

– adeguati sostegni ai piccoli Comuni, con una più forte incentivazione della gestione associata di servizi e funzioni in capo alle Unioni di Comuni, con l’aumento del fondo per gli investimenti e il ripristino del Fondo nazionale della montagna;

– il completo reintegro del fondo per le politiche sociali;

– un intervento legislativo che, come stabilito dalla Corte Costituzionale, riconosca la soppressione dell’IVA dalla Tariffa rifiuti (TIA) ma senza scaricare costi su Comuni, famiglie e imprese.

Di qui vogliamo ripartire, anche nella neo eletta Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna, mettendo al centro le comunità locali, quale nuovo motore di sviluppo!

E’ possibile scaricare il testo dell’ORDINE DEL GIORNO cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.