Contrastare la vespa cinese del castagno. Presentata un’interrogazione alla Giunta regionale

Quali misure di prevenzione e controllo sono state intraprese o si intendono intraprendere per rallentare la diffusione in Emilia-Romagna della vespa cinese del castagno. È quanto chiede il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, in un’interrogazione alla Giunta dell’Emilia-Romagna.

La vespa cinese, parassita considerato uno degli insetti più dannosi per il castagno, nel 2002 è stata accidentalmente introdotta in Italia in una zona a sud di Cuneo e oggi è presente in varie regioni italiane, tra cui l’Emilia-Romagna dove, a due anni di distanza dal ritrovamento dei primi focolai, la sua diffusione non si è arrestata.

“Il danno economico, secondo i dati raccolti nelle zone infestate del Piemonte, può arrivare anche all’80% della produzione – fa presente Zoffoli – e bisogna considerare che la castanicoltura, per alcune aree del nostro territorio regionale, è un’importante risorsa economica che va salvaguardata”.

“Nel solo territorio della provincia di Forlì-Cesena – prosegue Zoffoli – sono censiti circa 250 ha di castagneti da frutto, per una produzione complessiva stimata, in condizioni ottimali, in circa 5.000 quintali, che rappresenta un integrativo sostanzioso al reddito agricolo dei terreni collinari e montani”.

Nel testo, infine, si chiede a che punto è la sperimentazione del Torymus sinesis, un piccolo imenottero, antagonista naturale della vespa cinese, in grado di parassitare le sue larve, e quando e con quali tempi potrà essere utilizzato in modo generalizzato sull’intero territorio regionale.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.