Garantire la concorrenza leale tra le imprese e tutelare i diritti dei lavoratori. Presentata un’interrogazione

All’interno dell’importante e dinamica realtà imprenditoriale forlivese e cesenate, connotata da una alta specializzazione soprattutto nelle filiere del mobile imbottito, delle calzature, dell’abbigliamento e del cuoio, “è stata più volte denunciata una distorsione delle regole della concorrenza dovuta al fatto che risulta frequentissimo il fenomeno del subappalto ad imprese, molto spesso facenti capo ad imprenditori asiatici, che riescono a garantire costi estremamente contenuti perché non applicano correttamente le regole contrattuali e di sicurezza previste dalla normativa”.

A sottolinearlo sono i Consiglieri regionali del Partito Democratico, Damiano Zoffoli, Tiziano Alessandrini e Thomas Casadei, che hanno rivolto un’interrogazione alla Giunta regionale in merito al rischio che lo sfruttamento della manodopera e una produzione qualitativamente scarsa possano penalizzare gli imprenditori onesti e creare un danno d’immagine alla produzione del territorio nel suo complesso.

I consiglieri, pur riconoscendo la positiva azione di contrasto svolta dalle istituzioni locali (protocolli d’intesa firmati con Associazioni di categoria e sindacati), dalla prefettura e dalle Forze dell’Ordine e lo sforzo di accertamento messo in atto da INPS, INAIL e Direzione Provinciale del Lavoro, evidenziano la necessità di puntare anche su altri strumenti quali “incentivi all’adesione volontaria a protocolli etici e di qualità e regole di tracciabilità basate su un’etichettatura esaustiva che indichi ogni fase ed ogni soggetto coinvolto nella produzione”.

Gli esponenti del Pd chiedono alla Giunta regionale se sia in possesso di un quadro aggiornato della situazione del forlivese, del cesenate e di altre aree dell’Emilia-Romagna, quale ruolo abbia svolto o possa svolgere la Regione per garantire la concorrenza leale fra le imprese ed il rispetto dei diritti dei lavoratori e quali strategie si intendano mettere in campo per supportare l’imprenditoria di qualità ed i prodotti “Made in ER”.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.