Più di 1 milione e 400 mila euro di incentivi a 22 imprese della Provincia di Forlì-Cesena, per rimuovere l’amianto dai luoghi di lavoro. In arrivo nuovi fondi: al posto dell’amianto i pannelli fotovoltaici

Nuove risorse dalla Regione per eliminare l’amianto dai luoghi di lavoro e renderli più sicuri. A beneficiare del nuovo intervento, previsto nel Piano di azione ambientale regionale 2008-2010, saranno 85 imprese emiliano-romagnole, di cui 22 nella Provincia di Forlì Cesena (che riceveranno contributi per un totale di 1.414.834,55 euro), che potranno rimuovere e smaltire l’amianto presente nei loro fabbricati grazie a uno stanziamento regionale complessivo di 4 milioni di euro. Considerando anche l’apporto dei privati (il contributo regionale infatti oscilla tra il 35 e il 45% del costo di ogni intervento) l’investimento complessivo supererà i 7 milioni di euro. Le imprese avranno due anni di tempo per terminare i lavori.

“Si tratta di un contributo significativo della Regione – dichiara Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione assembleare Territorio Ambiente Mobilità – per risolvere un problema piuttosto diffuso. Abbiamo scelto di sostenere aziende private e così continueremo a fare anche nei prossimi mesi. Nuove risorse sono infatti in arrivo con la manovra di assestamento di luglio”.

Con questo intervento puntiamo a due obiettivi molto importanti. – conclude Zoffoli – Il primo è incentivare quelle imprese che vogliono migliorare la qualità del proprio insediamento produttivo e dunque aumentare la sicurezza dei lavoratori. Il secondo attiene alla necessità di rimettere in moto l’economia grazie anche ad interventi come questi, volti ad uno sviluppo davvero compatibile con l’ambiente. Al posto dell’amianto, i pannelli fotovoltaici“.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.