Più di 2 milioni e 660 mila euro in Provincia di Forlì-Cesena, per sostenere 6 progetti di risparmio e produzione di energia da fonti rinnovabili, realizzati da Enti pubblici

Al via 34 progetti per il risparmio e la produzione di energia da fonti rinnovabili: la Regione Emilia-Romagna finanzierà, con 25,8 milioni di euro, gli investimenti di Enti Locali per la realizzazione di sistemi tecnologici per il miglioramento del rendimento energetico e la realizzazione di impianti di fonti rinnovabili di energia negli edifici pubblici.

In provincia di Forlì-Cesena saranno oltre 2 milioni e 660 mila euro i finanziamenti di cui beneficeranno gli Enti Locali che hanno presentato 6 progetti, tutti risultati ammissibili, mettendo così in moto investimenti nel territorio per un totale di 21.389.949 euro.

Nel dettaglio, i titolari degli interventi sono il Comune di Sogliano al Rubicone (912.175 euro per la qualificazione energetica di immobili pubblici), la Provincia di Forlì-Cesena (802.205 euro per il programma di qualificazione energetica dei Comuni della Provincia), il Comune di Sarsina (285.500 euro per la qualificazione energetica di edifici pubblici e la realizzazione di impianti a fonti di energia rinnovabili), il Comune di Cesenatico (285.428 euro per teleriscaldamento, cogenerazione e fotovoltaico negli edifici scolastici), il Comune di Portico e San Benedetto (240.832 euro per la realizzazione di impianti di cogenerazione ad olio vegetale) e il Comune di Premilcuore (136.061 euro per la realizzazione di impianti di cogenerazione ad olio vegetale).

“Si tratta – sostiene Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione Territorio Ambiente Mobilità – di una evidente dimostrazione della volontà della nostra Regione di sostenere una sensibilità diffusa attorno alla riqualificazione ed al risparmio energetico, mettendo in campo un impegno finanziario rilevante a favore di un modello di sviluppo fortemente orientato alla green economy e alla sostenibilità energetica ed ambientale. E il Piano Energetico Regionale, che aggiorneremo nei prossimi mesi, segnerà un ulteriore passo in avanti”.

Contrariamente a quanto sta facendo il Governo sul nucleare e con tagli indiscriminati alla spesa pubblica – prosegue Zoffoli – l’obiettivo della Regione è quello di sostenere ed incentivare i progetti che tendono alla riqualificazione energetica degli edifici pubblici del nostro territorio, realizzando in tal modo anche tangibili risparmi, abbattendo i consumi e utilizzando in misura crescente le fonti rinnovabili”.

Il contributo regionale è pari al 30% dell’investimento totale per gli impianti solari termici, va dal 5% all’8% per gli impianti fotovoltaici, e dal 15% al 30% per tutti gli altri interventi di qualificazione energetica.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.