“TE AD CHI SIT E’ FIOL?”, dialetto romagnolo protagonista!

Un pomeriggio e una serata in allegria, domenica 4 luglio a Roversano.

Dopo il successo dell’anno scorso, con un migliaio di persone presenti ai diversi spettacoli, torna questa domenica nel borgo di Roversano la festa del dialetto “TE AD CHI SIT E’ FIOL?”.

Sono già una quarantina gli artisti locali che hanno confermato la loro presenza alla seconda edizione. Due le novità principali: tre palchi per le esibizioni, in luogo dei due dell’anno precedente, ed un’associazione strutturata alle spalle.

“Nel febbraio scorso a Cesena – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, ispiratore della festa – è nata l’associazione Ad chi sit e fiol con lo scopo di promuovere e valorizzare il nostro dialetto. E’ stato uno dei primi frutti della festa dello scorso anno che ha dimostrato, una volta di più, il grandissimo interesse dei romagnoli per la loro lingua madre”.

“Il dialetto cambia da città a città e da borgata a borgata – gli fa eco Maurizio Balestra, vicepresidente dell’associazione – eppure tutti si capiscono. Sfuma e cambia con il passare dei chilometri creando delle differenze che ci arricchiscono. Per questo non si può insegnare a scuola, ma va valorizzato il più possibile”.

Anche quest’anno ci sarà una raffica di mini-spettacoli: musica, poesia, teatro e canzoni, tutti rigorosamente, in romagnolo. Si partirà alle 16 e la festa proseguirà poi fino a sera inoltrata. Tra gli ospiti già in cartellone è da notare la presenza dell’attore Ilario Sirri, del poeta Giovanni Nadiani, della band di rock agricolo Il Cantiere (per l’occasione presenterà alcuni brani in versione acustica), di una rassegna degli autori che hanno partecipato al premio Sauro Spada di Montenovo. Ad altri ancora sarà data la possibilità di esibirsi il giorno stesso, sempre che si prenotino entro le ore 17. Confermato il palco nel giardinetto di Roversano, mentre al posto del prato sotto la Torre (quest’anno non disponibile) sono stati allestiti altri due palchi all’interno del Borgo: dietro la chiesa e qualche metro più in là verso la fine del paese (direzione nord).

Data la scarsità di parcheggio a Roversano è stato organizzato un servizio di navette (3 pulmini) con partenza dal Trebbo, area che si trova un chilometro prima del borgo, al bivio con la strada per San Carlo.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.