“NUOVI STRUMENTI DI GOVERNO” – Campagna del Gruppo assembleare PD della Regione Emilia-Romagna

La manovra la pagano, come sempre, i cittadini. Regioni tartassate, a rischio lo standard di vita.

La manovra del Governo Berlusconi prevede tagli, per l’Emilia-Romagna, pari a 740 milioni di euro nel biennio 2011-2012.

Nel dettaglio, i tagli previsti sono:

– 150 milioni di euro ai servizi ferroviari;
– 60 milioni all’agricoltura;
– 30 milioni alla salute;
– 50 milioni all’ambiente;
– 120 milioni alla viabilità;
– 100 milioni al welfare;
– 140 milioni di incentivi alle imprese;
– 90 milioni alla casa.

A questi si aggiungeranno i tagli al fondo per l’affitto e al fondo per la non autosufficienza.

Il centrodestra deve avere il coraggio di dire ai cittadini che con simili tagli non è più garantito lo standard di vita mantenuto sino ad ora.

Tra l’altro il Governo parla molto di federalismo fiscale ma con la manovra finanziaria 2010 taglia solo l’1,2% alle spese dello Stato, mentre i trasferimenti alle Regioni vengono decurtati del 13,7%.

Chi pagherà per primo sulla propria pelle questi tagli? Come sempre i cittadini – lavoratori, famiglie e imprese – ovverosia coloro i quali stanno continuando a scontare gli effetti della crisi.

E con loro gli Enti locali: Comuni, Province e Regioni.

Ma se predica austerità, non dovrebbe essere il Governo per primo a dare il buon esempio? Così, invece, non è! Il Governo chiede soprattutto ad altri di sopportare in misura prioritaria i sacrifici.

In un momento in cui molti media paiono non accorgersi della gravità della situazione, il Gruppo del PD in Regione Emilia-Romagna e noi Consiglieri regionali saranno impegnati nelle prossime settimane in una campagna-verità nei territori per rendere note agli abitanti le cifre di questo salasso e le conseguenze che l’Emilia-Romagna e i suoi abitanti dovranno pagare.

Maggiori dettagli su: www.nuovistrumentidigoverno.it.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.