Azzerato il Fondo regionale per la Protezione civile. Presentata una risoluzione per chiedere al Governo di ripristinarlo al più presto!

Presentata, assieme ad alcuni colleghi del Partito Democratico, prima firmataria la Consigliera Roberta Mori, una risoluzione all’Assemblea Legislativa con la quale si impegna la Giunta a ”sollecitare il Governo in ogni sede opportuna affinché il Fondo regionale per la Protezione civile venga ripristinato” e a “chiedere con somma urgenza la ricalendarizzazione dell’argomento in sede di Conferenza Stato-Regioni”.

Il Fondo finanzia quegli interventi di Regione, Province ed Enti locali che servono a far fronte alle esigenze più urgenti a seguito di calamità naturali che interessano aree vaste del territorio, concorre al ripristino delle strutture pubbliche e private danneggiate e alla realizzazione di aree attrezzate per l’accoglienza e il soccorso, e sostiene attività di monitoraggio e prevenzione.

”Dopo un’iniziale decurtazione del 10%, operata sulle Leggi finanziarie del 2007 e del 2008, – sottolinea Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione assembleare Territorio Ambiente Mobilità – il Governo è passato al totale azzeramento dello stesso, sulle annualità 2009 e 2010. Tale situazione metterà in serio pericolo la prosecuzione delle attività regionali di Protezione civile, impedirà l’adeguato sostegno delle organizzazioni di volontariato capillarmente diffuse sul territorio e renderà impossibile sostenere chi è stato danneggiato da eventi calamitosi”.

“Se fino ad ora l’Emilia-Romagna ha provveduto a sostenere funzioni e compiti trasferiti attraverso economie di spesa e fondi propri, – conclude Zoffoli – tale sostegno non sarà più possibile se saranno confermati i gravissimi tagli ai bilanci delle Regioni contenuti nella manovra finanziaria dello Stato, col rischio di non riuscire più a far fronte alle emergenze e di portare all’inoperatività un efficiente sistema regionale di Protezione civile”.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.