“NUOVI STRUMENTI DI GOVERNO” – I tagli della manovra del Governo Berlusconi alla viabilità regionale

La manovra del Governo Berlusconi prevede tagli, per l’Emilia-Romagna, pari a 740 milioni di euro nel biennio 2011-2012: 150 milioni di euro ai servizi ferroviari; 60 milioni all’agricoltura; 30 milioni alla salute; 50 milioni all’ambiente; 100 milioni al welfare; 140 milioni di incentivi alle imprese; 90 milioni alla casa e 120 milioni alla viabilità.

Questo significa, in concreto, avere delle strade meno sicure e non poterle manutentore. A tutto danno dei nostri cittadini, delle famiglie e delle imprese dell’Emilia-Romagna. E ancora avere un trasporto pubblico locale ridotto (-30% dei servizi oppure +50% dei biglietti e delle tariffe).

Lo Stato ha trasferito, dall’ANAS alle Province dell’Emilia-Romagna, circa 2.000 Km di strade. La nostra Regione è impegnata nella loro manutenzione che, senza queste risorse, diventerà impossibile.

Un esempio? La strada statale E45 Orte-Ravenna: un’opera vitale per il collegamento Nord-Sud del Paese, diventata oramai un’infrastruttura dissestata e pericolosa, inadeguata al trasporto delle merci. L’asfalto della stessa si deteriora velocemente, costringendo ogni volta all’apertura di nuovi cantieri (in particolare nel tratto cesenate, tra Bagno di Romagna e il passo del Verghereto) e alla deviazione del traffico sulla Provinciale, ancora meno in grado di reggere un flusso elevato di auto e camion.

L’Emilia-Romagna, preoccupata per lo stato di conservazione di questa strada, ha speso, negli ultimi anni, 20 milioni di euro per la manutenzione della viabilità ordinaria in quel tratto.

Se tutto ciò sarà confermato, non solo lo Stato continuerà a non spendere per le sue strade, ma toglierà le risorse alle Regioni e agli Enti locali per la loro manutenzione.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.