Il sostegno della Regione agli apicoltori

L’Osservatorio nazionale sulla produzione e sul mercato del miele stima che il lavoro gratuito delle api produca un valore di oltre 2,5 miliardi di euro.

Le risorse agli Apicoltori dalla Regione Emilia-Romagna ammontano, per l’annualità il 2010-2011, a 711.222,32 euro e saranno impegnate in sei tipi di azioni: 205.962,32 euro per l’assistenza tecnica e la formazione professionale degli apicoltori, 267.070 euro per la razionalizzazione della transumanza, 169.66 euro per la lotta alla varroasi, 51.530 euro a sostegno dei laboratori di analisi, 7.000 euro per il ripopolamento del patrimonio apicolo, 10.000 euro per la collaborazione con organismi specializzati per la realizzazione di programmi di ricerca.

L’apicoltura, che per lungo tempo è stata trascurata, – ricorda Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione assembleare Territorio Ambiente Mobilità – svolge un ruolo particolarmente significativo sul piano produttivo ed ambientale, ed è un comparto importante della nostra economia agricola regionale. Solo per l’impollinazione delle piante da frutto, l’Osservatorio nazionale sulla produzione e sul mercato del miele stima che il lavoro gratuito delle api produca un valore di oltre 2,5 miliardi di euro. Queste risorse sono un sostegno importante, anche alla luce delle morie di api avvenute anche di recente nei nostri territori”.

La moria delle api ha rischiato, negli scorsi anni,di provocare una drastica riduzione del numero di alveari presenti nel nostro Paese, con un gravissimo danno economico dovuto alla caduta della produzione di miele di qualità e alla mancata impollinazione delle piante da frutto. La situazione è sensibilmente migliorata quando le Regioni italiane, su proposta dell’Emilia-Romagna, hanno richiesto e ottenuto la sospensione dell’utilizzo dei prodotti chimici – i cosiddetti neonicotinoidi – per il trattamento delle sementi.

L’Emilia-Romagna è una delle regioni italiane in cui l’apicoltura di qualità è maggiormente sviluppata. Qui operano circa 10mila apicoltori (circa 800 dei quali professionali) e i migliori selezionatori e allevatori di api regine del mondo. La produzione è stimata in circa 2.000 tonnellate/anno di miele (pari a circa il 20% della produzione nazionale), senza tener conto dell’importanza e del valore sempre più elevato che gli altri prodotti dell’alveare (pappa reale, propoli, cera, …) stanno ottenendo sul mercato.

“Con questo primo stralcio del Programma Triennale – conclude Zoffoli – puntiamo a privilegiare interventi in grado di migliorare ulteriormente la professionalità degli operatori e la qualità dei prodotti, a consolidare la filiera e a sostenere i giovani”.

Le risorse sono infatti destinate, in via prioritaria, agli imprenditori del settore al di sotto dei 40 anni; a quanti operano seguendo il metodo biologico o di produzione integrata e a coloro che producono nel rispetto delle indicazioni dei regolamenti comunitari sulle specialità tradizionali e sulle denominazioni di origine.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.