Fitopatie, approvata una nuova Legge regionale per risarcire gli agricoltori che hanno dovuto abbattere piante malate

La Regione potrà risarcire tempestivamente gli agricoltori che hanno dovuto abbattere piante colpite da parassiti e lo farà commisurando l’aiuto al valore di mercato delle coltivazioni interessate e alla perdita di reddito dovuta al periodo di quarantena.

È quanto prevede la nuova Legge regionale”Misure di intervento a favore delle piccole e medie imprese del settore agricolo per la prevenzione e l’eradicazione di fitopatie e infestazioni parassitarie”, approvata nei giorni scorsi dall’Assemblea Legislativa.

I sempre più intensi scambi commerciali a livello mondiale hanno accentuato la diffusione anche in Italia di nuove fitopatie spesso di difficile cura, di fronte alle quali talvolta l’unico intervento utile per bloccarne la diffusione consiste nell’abbattimento e nell’estirpazione delle piante malate, con rilevanti danni economici per i proprietari.

Da qui la decisione, su proposta dell’assessore all’Agricoltura Tiberio Rabboni, di intervenire con un provvedimento di sostegno alle aziende agricole danneggiate.

“Di fronte alla assoluta latitanza del Governo sul fronte dei risarcimenti agli agricoltori colpiti da fitopatie gravi e a situazioni come quella del Lazio, dove la batteriosi ha colpito circa l’80% del kiwi giallo coltivato – sottolinea Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione Territorio Ambiente Mobilità – la nuova legge regionale fornisce un aiuto concreto e immediato alle piccole e medie aziende coltivatrici e serve a contrastare efficacemente la diffusione di questa e di altre fitopatologie. Gli aiuti potranno essere erogati in pochi mesi e senza l’obbligo del reimpianto. Gli interventi si concentreranno sui dieci focolai di batteriosi del kiwi già individuati nelle province emiliano-romagnole. La norma ha una copertura finanziaria certa per il 2010. Per i prossimi anni la copertura dipenderà dagli esiti del confronto in atto tra Regioni e Governo sui tagli alle finanze regionali. Se verranno confermate le proposte del ministro Tremonti sono a rischio non solo questi indennizzi, ma la gran parte degli aiuti per le aziende agricole della regione”.

Gli aiuti regionali saranno distinti in relazione alle specie vegetali interessati e al tipo di patologia, e verranno attivati nell’ambito di specifici programmi pubblici in seguito alle indicazioni del competente Servizio fitosanitario.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.