La Regione è a fianco dei nostri agricoltori e si è mossa con tempestività, con tutti gli strumenti possibili a sua disposizione, per ottenere aiuti concreti per le imprese colpite dal maltempo

Mentre qualcuno cerca di fare propaganda, peraltro in ritardo sugli eventi, “sfruttando” la grave situazione in cui versano diverse aziende del nostro territorio provinciale colpite delle grandinate e dalle piogge torrenziali dei mesi scorsi, la nostra Regione si è mossa con tempestività, con tutti gli strumenti possibili a sua disposizione, per ottenere aiuti concreti per gli agricoltori e le imprese danneggiate dal maltempo.

Come tutti sanno, infatti, la Legge dello Stato stabilisce che per i danni assicurabili all’interno del Piano assicurativo agricolo nazionale – per i diversi eventi la quasi totalità delle colture praticate sul territorio, nonché le principali strutture fatta eccezione per i fabbricati rurali – non possono essere attivati gli interventi compensativi da parte delle Regioni.

Questo è il quadro. In ogni caso l’Emilia-Romagna non è rimasta con le mani in mano.

Per quanto di sua competenza, in applicazione di quanto previsto dalla Legge 296/2006 (art. unico, comma 1079), ha provveduto, accogliendo le tempestive proposte della Provincia di Forlì-Cesena e delle Comunità Montane dell’Appenino Forlivese e Cesenate a delimitare i territori danneggiati a seguito delle grandinate del 19 maggio e del 17 giugno 2010, ai fini dell’attuazione del trattamento di integrazione salariale dei lavoratori dipendenti.

Come previsto della L. R. 43/97 e successiva modificazione, per dare alle imprese l’opportunità di beneficiare di prestiti di conduzione per le necessità derivanti dalle perdite di prodotto ha poi predisposto, proprio in questi giorni, un ulteriore atto che, sulla base delle delimitazioni già effettuate ai fini INPS, consentirà ai Consorzi Fidi agricoli di attivare il finanziamento sul quale è previsto, oltre alla garanzia, anche il concorso regionale sugli interessi.

Inoltre, proprio per fronteggiare la difficile situazione economico-produttiva nella quale si sono venute a trovare le imprese, danneggiate da un andamento stagionale del tutto imprevedibile e fuori dalla norma, l’Emilia-Romagna ha proposto alle altre Regioni ed al Governo, un provvedimento straordinario, in deroga alla norma nazionale e per il solo 2010, che consenta l’attivazione delle agevolazioni previste dalla legge, con la sola esclusione dei danni effettivamente assicurati, anziché di quelli assicurabili.

È poi intenzione della nostra Regione sostenere, in tutte le sedi istituzionali, la necessità di introdurre, al pari di quanto si sta già iniziando a fare in altri Paesi, un sistema integrato di tutela in grado di garantire il reddito delle aziende agricole non solo dai rischi fisici ma anche da quelli economici. In questi ultimi anni, infatti, la forte volatilità dei prezzi dei prodotti agricoli ha rappresentato uno dei maggiori fattori di instabilità nell’organizzazione aziendale, creando notevoli difficoltà ed incertezze per gli operatori del settore primario.

Se il collega Bartolini vuole aiutare veramente gli agricoltori colpiti dalla grandine sostenga anche lui, concretamente, queste proposte e chieda al Governo di ripristinare le risorse per il finanziamento del fondo di solidarietà nazionale che, negli scorsi anni e grazie all’efficienza dei Consorzi di difesa emiliano–romagnoli, ha consentito alle aziende agricole di stipulare assicurazioni contro i danni da calamità naturali a prezzi accessibili.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.