Servono decisioni forti, a partire dall’area vasta della sanità

E Zoffoli si dichiara favorevole al referendum.

LA VOCE di Romagna – mercoledì 18 agosto 2010.

CESENA – C’è anche il nome del cesenaticense Damiano Zoffoli tra quelli indicati a bruciapelo per il ruolo di “presidente” o in alternativa “supersindaco” di una futura, chissà, Regione Romagna.

Nel corso delle interviste realizzate per La Voce dalla Facoltà di Scienze Statistiche dell’Università di Bologna (sede di Rimini) sulla voglia d’indipendenza dall’Emilia c’è chi per l’incarico di governatore ha suggerito, in piena libertà, proprio il consigliere regionale del Pd, noto paladino del nostro dialetto.

Una conferma indiretta, volendo, di come l’idea di autonomia abbia cominciato a conquistare terreno anche tra le fila del centrosinistra.

Ma Zoffoli, dopo un iniziale sorriso (“è un gioco?”), si dichiara piuttosto spaventato da tutto quello che è super: “Più che di super-eroi c’è bisogno di recuperare semplicità, umiltà e quella laboriosità che hanno fatto grande questa nostra terra, con il lavoro quotidiano” (“Piccoli ma concreti passi…” d’altronde è stato anche l’incipit della sua ultima campagna elettorale, ndr).

Come leggere allora questo crescente bisogno di autonomia? “Come voglia di un nuovo protagonismo. Capisco che possano pesare motivazioni economiche, che si possa pensare di poter avere più soldi da spendere. È un argomento importante certo, ma credo rischi di portarci fuori strada”.

E prima di andare avanti Zoffoli distingue: “Massimo rispetto per il Movimento per l’autonomia della Romagna che è stato il convinto promotore di questo dibattito. Ma c’è chi usa questa idea in maniera opportunistica, più che altro per accaparrarsi voti e sfuggire problemi veri. Non a caso se ne torna spesso a parlare alla vigilia di consultazioni elettorali”.

È vero che siamo in una fase caotica, di transizione. Una fase in cui si continuano a trasferire deleghe agli enti locali senza risorse. Ci ritroviamo a metà del guado. Bisogna spingere in avanti – sottolinea, quasi incita – Prendiamo l’area vasta della sanità. Al momento è una collaborazione, una sorta di coordinamento, con risultati ancora insoddisfacenti. È tempo di passare a scelte più forte, chiare e nette. Un’azienda sanitaria unica per la Romagna, perché no. Il rischio altrimenti è trascinare un percorso giusto come quello avviato senza portarlo a termine. Non ci resta molto tempo. Basti considerare gli ultimi tagli della Finanziaria. Certe scelte vanno fatte in questi prossimi anni”.

Non entra nel merito delle formule amministrative Zoffoli, ma una strada la traccia: “La sfida sta nella capacità di aprirsi al nuovo. Cominciando a riconoscere un valore alla sussidiarietà che io definisco circolare, facendo entrare nei processi decisionali quell’economia civile che rappresenta una grande ricchezza per il nostro territorio e che la politica finora non ha saputo coinvolgere. Altrimenti il rischio è che finiscano per parlarsi sempre le stesse persone”.

Pur non sfuggendo il fagile contagio dalla voglia di autonomia, Zoffoli si conferma nettamente a favore del referendum: “Certe decisioni spettano comunque ai cittadini, come previsto dalla Costituzione”.

Valeria De Tommaso

"SERVONO DECISIONI FORTI, A PARTIRE DALL'AREA VASTA DELLA SANITA'"

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.