La metropolitana di costa Ravenna-Cattolica è una priorità e una risposta concreta al tema della valorizzazione della città metropolitana della costa romagnola

Presentata un’interrogazione alla Giunta regionale per sapere quale sia lo stato di avanzamento del progetto del TRC e quali siano i tempi previsti per la sua realizzazione.

“Il progetto del Trasporto Rapido Costiero (TRC) – dichiara Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione Trasporti dell’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna – rappresenta, nel suo complesso, un’opera strategica, fondamentale per la costa romagnola e per l’intera mobilità regionale e nazionale. È quindi un’opera non più rimandabile, anche per le sue enormi potenzialità a sostegno della razionalizzazione dei flussi di traffico, in una delle aree più vulnerabili del sistema della mobilità regionale; costituisce una struttura al servizio della popolazione e dell’economia romagnola ed è volano di nuova linfa per il sistema turistico che si concentra su quel territorio. Anche in relazione al cambiamento della domanda turistica che, come dimostra la stagione estiva che si sta concludendo, presenta periodi di vacanza sempre più brevi, con un afflusso di visitatori per motivi socio-culturali e commerciali anche negli altri mesi dell’anno e particolarmente per i tradizionali weekend”.

Il Documento Preliminare per la predisposizione del nuovo Piano Regionale Integrato dei Trasporti (PRIT 2010 – 2020) ribadisce, fra le sue priorità, la realizzazione del Metro Costa.

L’area costiera romagnola – prosegue Zoffoli – costituisce uno dei più rilevanti bacini turistici europei ed ha progressivamente assunto una vera e propria connotazione metropolitana. Nel tratto compreso tra Ravenna e Cattolica si è infatti consolidato un insediamento urbano fortemente caratterizzato dallo sviluppo del turismo balneare, il cui tessuto si è sempre più dilatato a partire dai centri storici originari fino a configurare una città lineare di circa 60 km posta a ridosso degli arenili. L’insediamento costiero rappresenta, di fatto, la seconda città della Regione (che diventa la prima durante il periodo estivo), con una popolazione residente di circa 410.000 abitanti (dati del censimento 1991) distribuiti negli undici comuni che la compongono (Ravenna, Cervia, Cesenatico, Gatteo, Savignano sul Rubicone, S. Mauro Pascoli, Bellaria-Igea Marina, Rimini, Riccione, Misano Adriatico, Cattolica)”.

È indispensabile – conclude il Consigliere Zoffoli – che le tre Province romagnole e la Regione, anche in relazione al protocollo di intesa siglato nell’ambito degli accordi per la nuova linea ad alta velocità Milano-Bologna-Firenze fra la Regione Emilia-Romagna, la Tav e il Ministero dei Trasporti, procedano rapidamente per dotare la costa romagnola di questa importante infrastruttura. Alcuni interventi (come i sottopassaggi interni alle stazioni di Igea Marina, Lido di Classe e Cesenatico che permettono l’ingresso contemporaneo di due treni) funzionali alla stessa sono già stati eseguiti. L’obiettivo è di realizzare al più presto una rete moderna e integrata di trasporto collettivo, con un’azione congiunta fra Enti Locali, Regione ed Aziende locali di trasporto, per alleggerire il carico antropico e favorire un turismo di qualità e più a misura d’uomo. È una risposta concreta al tema della valorizzazione della città metropolitana della costa romagnola”.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.