Riparte la scuola, l’impegno della Regione Emilia-Romagna

Fra qualche giorno, per bambini, ragazzi e insegnanti, riaprirà la scuola.

Nelle aule degli istituti scolastici della nostra Regione, ci saranno, rispetto all’anno passato, 8mila bambini in più ma 1193 insegnanti in meno, per effetto dei tagli voluti dal Governo Berlusconi.

Tutto ciò renderà impossibile garantire tempi pieni e prolungati, obbligherà parte del nostro sistema scolastico, soprattutto in montagna, a ritornare alle pluriclasse, riducendo la qualità educativa e i percorsi di innovazione per l’integrazione. A farne le spese saranno, come al solito, i più deboli e le comunità più piccole, con gravi disagi per bambini e famiglie.

Questo Governo ha scelto, in buona sostanza, di disinvestire nel settore della formazione e dell’educazione e, quindi, sul futuro. La scuola è un luogo educativo strategico, un “bene comune”.

Non si tratta solo di un problema della categoria degli insegnanti, la cui credibilità sociale, peraltro, è stata più volte indebolita dalle campagne denigratorie condotte dal Governo stesso. Si pensi alla triste condizione degli oltre 4000 insegnanti di terza fascia in Emilia-Romagna (docenti privi di abilitazione, ma in possesso dei titoli e dei requisiti curriculari necessari all’insegnamento e con all’attivo già diversi anni di servizio) che una precisa scelta del Governo ha privato di una qualunque prospettiva di futuro, umano e professionale: a loro va la mia solidarietà e il sostegno dell’Amministrazione regionale per cambiare questa situazione che calpesta la dignità di tante lavoratrici e lavoratori.

Per assicurare un decoroso funzionamento del servizio, nella nostra Regione sarebbero necessari ulteriori 562 insegnanti, ma la risposta del Governo è stata, complessivamente, di soli 171 posti di cui 40 nella scuola d’infanzia, a fronte di un bisogno certificato, nella stessa, di 212.

Per quanto ci riguarda, con un intervento che, nei prossimi giorni andrà in Giunta per l’approvazione, la Regione Emilia-Romagna metterà a disposizione 2 milioni di euro per garantire l’assunzione di circa 70 insegnanti della scuola d’infanzia e 1 milione di euro per sostenere l’autonomia degli istituti della scuola primaria e secondaria. Questo intervento garantirà l’accesso alla scuola d’infanzia a circa 750 bambini, oggi esclusi.

A questo punto facciamo un’altra proposta chiara al Governo: lo Stato passi alle Regioni il potere di decidere sulla gestione funzionale degli organici e trasferisca davvero le risorse, umane e finanziarie, necessarie per l’attuazione del Titolo V della Costituzione.

L’Emilia-Romagna è pronta a gestire l’organizzazione scolastica anche per ottimizzare le risorse pesantemente decurtate, negli ultimi due anni, da tagli lineari ed indifferenziati.

Ma ad oggi non vi sono risposte su questo, che sarebbe il vero federalismo a cui continua ad appellarsi la Lega Nord, con proclami che però cozzano con tutte le scelte centraliste di questo Governo di cui la Lega è azionista di maggioranza.

Concludo dicendo che pur riconoscendo l’esigenza di razionalizzare la spesa pubblica, non condivido che sia l’educazione a pagarne le conseguenze. Solo investendo sulla scuola e sulla formazione integrale e permanente della persona, rafforzando le autonomie scolastiche ed evitando la frammentazione e l’impoverimento dell’offerta e della sua qualità, abbiamo la possibilità di tornare a crescere, di trasmettere ai nostri giovani un’idea di futuro, capace di rispondere alle nuove sfide che abbiamo di fronte.

Quello di cui c’è davvero bisogno è un nuovo patto educativo tra scuole, famiglie e studenti, che parta dalla consapevolezza del ruolo che l’istruzione ha per tutto il nostro Paese.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.