Incontriamoci per fare Buona Politica

Il Consigliere regionale Damiano Zoffoli promuove un ciclo di quattro incontri per discutere senza peli sulla lingua di temi chiave per il futuro del territorio. Primo obiettivo: coinvolgere chi è fuori dalla politica.

Far partecipare chi troppo spesso resta “fuori dai giochi”, stimolare le persone all’impegno su temi che toccano da vicino tutti i cittadini. E’ quello che si propone il Consigliere regionale Damiano Zoffoli (Pd) con il ciclo di quattro incontri “La Buona Politica: al centro la persona e la comunità” in programma ogni 3 settimane, a partire da giovedì 23 settembre, nella sala Cacciaguerra della Banca di Cesena, alle ore 20:30.

La società – spiega Zoffoli – è piena di energie e competenze che in molti casi non riescono a dialogare con la politica. Per questo ho pensato ad un serie di incontri con esperti di diversi settori. Ci daranno dati e fatti su cui ragionare, mettendo in luce quello che funziona e quello che non funziona nel nostro territorio e nel nostro Paese. Non vogliamo né fare delle autocelebrazioni né indulgere al vittimismo, bensì tirare fuori spunti sui quali cominciare a costruire il futuro. Una buona politica è tale solo quando prima di agire si ferma a pensare, mettendo al centro la persona e la comunità”. Un’apertura alla società evidenziata dal sottotitolo del ciclo di incontri: “per riscoprire il gusto dell’incontro interpersonale e della progettualità comunitaria”.

“I temi trattati sono quelli che più ci stanno a cuore – continua Zoffoli – ossia territorio, giovani, sussidiarietà e green economy. Quattro punti cardinali da analizzare sera dopo sera con coraggio, pronti cioè a cambiare le nostre vecchie abitudini, e con l’umiltà del confronto”.

Il primo appuntamento, giovedì 23, è con Guido Caselli, direttore del Centro studi Unioncamere dell’Emilia-Romagna: “Un tecnico in grado di darci una fotografia oggettiva del nostro territorio – spiega il consigliere regionale – delineando i cambiamenti sociali ed economici in atto nella provincia di Forlì-Cesena, dagli aspetti più evidenti a quelli più sottili e nascosti”.

Secondo appuntamento il 14 ottobre con Cristian Carrara, ex segretario nazionale dei giovani Acli, sul tema “L’Italia è un Paese per giovani? La sfida educativa ed il futuro”. Un argomento di straordinaria attualità in un Paese in cui, secondo stime recenti, più di 900mila giovani tra i 15 ed i 29 anni sono “invisibili”: non studiano, non lavorano, non sono in cerca di occupazione.

Gli appuntamenti successivi si terranno nel mese di novembre. Giovedì 4 con Edoardo Patriarca (consigliere dell’Agenzia nazionale per le Onlus) sul tema “Verso una sussidiarietà circolare?”, giovedì 25 con l’onorevole Ermete Realacci (Pd) su “Ambiente, green economy, nuova occupazione”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.